Dio salvi i bambini dal corpo direttivo. 4/5/2015

i20bambini20del20mondo1

Dio salvi

i bambini

dal corpo direttivo

Da una parte e dall’altra del confine JW non si fa altro che parlare dell’ultimo “evento” riguardante la visita di uno dei membri del corpo direttivo.

Le opinioni di chi è ancora nella setta variano da un timido dissenso a un entusiasmo forzatamente ostentato.

Le conclusioni che la redazione può trarre sono le seguenti:

Circa la menzione delle opere di bene, citate come buon esempio di condotta cristiana ci dichiariamo d’accordo.

Resta solo da capire come mai dopo tutti questi anni in cui nella Watchtower si denigrava il volontariato ora ci sia un’inversione di tendenza.

E’ curioso come qualcosa di così ovvio e scontato, come la beneficenza, l’aiutare i più deboli, ora venga da un giorno all’altro ostentato come verità conclamata.

Perchè ieri non andava bene quello che oggi si sbandiera?

“Anche noi facciamo opere di bene, anche noi aiutiamo il prossimo, io l’ho sempre fatto”.

Bravi, il problema è che lo facevate quasi di nascosto, a livello individuale e non certo per “non far sapere alla destra cosa fa la sinistra”.

Altro dubbio che sorge è il seguente: Era necessario fare così tanti chilometri per questa sequela di ovvietà?

Essere cristiani vuol dire fare del bene…

Complimenti, ci volevi proprio tu perchè nessuno ci aveva mai pensato…

Quante migliaia di € e quanto lavoro hanno comportato queste tue uscite geniali?

E quanto bene si poteva fare risparmiandoli, per qualcosa di migliore, come gli aiuti ai terremotati ad esempio?

Non è altresì strano che in concomitanza con l’Expo ci sia stato questo evento “ultraspirituale”?….

Se la dichiarazione lasciata volutamente a metà intendeva invece dare soldi per nuove costruzioni, sale assemblee allora le cose sono peggio di quelle che sembrano…

Comunque tra poco vederemo anche sui nostri schermi slogan made in JW.

La Warchtower sta investendo molto in pubblicità.

Circa pace e sicurezza e governo globale rimandiamo alla filosofia del nuovo ordine mondiale dei signori di altri lidi.

Altro punto da considerare è che i dati presentati riguardano solo una prospettiva e non serve essere matematici per accorgersi che c’è stata una decrescita e non un grandioso progresso.

Le tabelle artefatte che non tengono conto dei dissociati o delle ore fasulle che gli anziani segnano alle adunanze al posto del servizio, si possono vedere on-line, o sugli annuari.

Senza considerare che quasi nessuno dichiara il vero sul rapporto di servizio.

Anche per questo era inutile un viaggio simile.

Ultima cosa: I cattolici battezzano i bambini è vero.

Ma quello che comporta un battesimo cattolico è ben diverso da un battesimo tra i testimoni di Geova.

Immaginatevi un bambino dedicato che mangia una torta di compleanno o canta “Bianco Natale”, oppure una bimba di sette anni che gioca a cercare le uova di pasqua.

Questo è peccare di apostasia per i testimoni di Geova.

Controllate sul libro degli anziani.

E cosa succede agli apostati?

Sono morti socialmente.

I bambini avranno uno sconto di pena forse?

E come si organizza un comitato giudiziario per un impenitente di 6 anni?

E inoltre se non hanno conosciuto nessun altra religione come possono aver fatto una scelta consapevole?

E se un piccolo adepto battezzato denuncia una mancanza di un parente agli anziani, ad esempio “Papà fuma…” verrà considerato attendibile?

I bambini possono essere ottime spie…

E la pedofilia… varrà di più la dichiarazione di un bambino battezzato rispetto a quella di uno non ancora dedicato?

Ma se non ci sono i due testimoni, il piccolo sarà considerato un calunniatore e ostracizzato?

Chi può dichiarare un bambino spiritualmente maturo quando persino tra gli adulti è vietato un confronto poliprospettico?

I signori sui troni di Brooklyn dovrebbero farsele queste domande.

Ma il problema non si pone: perchè solo loro, possiedono l’unica verità sulla terra.

REDAZIONE

QUO VADIS a.p.s.

 

Q-QUO-VADIS-FB21

Sostenete la pagina di QUO Vadis a.p.s.

cliccate mi piace su

>> https://www.facebook.com/quovadisaps <<

<<<<<   >>>>>

 quovadis.aps@gmail.com

telefono  392 1539014

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte.