UNO SGUARDO DAL MONDO TDG – “NIENTE MASCHERE” 13/5/2015

mappamondo

UNO SGUARDO

DAL MONDO TDG

NIENTE MASCHERE”

NOTE CASA IN CASA

Spiegazione che danno i tdg per il divieto:

…..demoni si servono di oggetti materiali per comunicare con gli uomini. Pertanto i servitori di Dio non tengono nulla che abbia a che fare con la religione spiritica, si tratti di un portafortuna, un amuleto, un anello magico o una maschera.

Coloro che desiderano servire Geova non usano né maschere né alcun’altra cosa che abbia a che fare con la falsa adorazione. g 95 8/8 pg. 21-24

maschere

RIFLESSIONE:

La maschera ha sempre fatto parte della storia dell’uomo.

Maschere in gesso, marmo e cuoio, hanno un’origine primitiva e appaiono in tutte le società.

Nata come strumento magico, rappresentazione spesso di divinità, è sempre stata considerata oggetto enigmatico per eccellenza.

L’utilizzo è mutato nei secoli: dall’uso nell’arte a quello bellico, da quello teatrale a quello carnevalesco.

Nonostante queste transizioni ha mantenuto immutato il suo fascino, e milioni di persone ne posseggono una o più in casa.

Tale sentimento è dato anche dai materiali nobili che le compongono, che segnano il confine tra l’interno e l’esterno, tra l’organismo e l’ambiente; rapporto riproposto dalla maschera quando viene indossata.

Alcuni materiali hanno la memoria della vita trascorsa, e ne evidenziano i segni, come se tutta la storia passa attraverso gli occhi della maschera.

Chi possiede in casa una maschera non pensa affatto di adorarla, ne di mettersi in contatto con religioni spiritiche come vogliono far capire i tdg.

Il vero male consiste nel vedere lo spiritismo anche dove non c’è e tenere prigioniere milioni di persone con false ideologie.

LA REDAZIONE

Q-QUO-VADIS-FB21

Sostenete la pagina di QUO Vadis a.p.s.

cliccate mi piace su

>> https://www.facebook.com/quovadisaps <<

<<<<<   >>>>>

 quovadis.aps@gmail.com

telefono  392 1539014

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte.