Beni: camion sospetto di trasportare machete. 19/5/2015

IMG_2294

Beni: camion sospetto

di trasportare machete

 

Una grande tensione regnava Domenica 17 maggio in serata al quartiere Kasabinyole della città Mulekera, nel centro di Beni (Nord Kivu). Secondo fonti locali, i giovani dicono di aver intercettato nella motivazione della Sala del Regno dei Testimoni di Geova un veicolo che trasportava machete e gli assi che sono stati utilizzati, secondo loro, chiedere crimine. Le fonti della sicurezza non hanno confermato questa versione, ma piuttosto parlare di vari oggetti appartenenti alla ONG Oxfam e Testimoni di Geova.

Domenica circa 17 am ora locale, un veicolo di marca “Fuso” di Goma scarico attrezzature nel recinto della Sala del Regno dei Testimoni di Geova di Kasabinyole quando i giovani del quartiere circondato il veicolo. Senza formalmente identificare il loro informatore, ci hanno detto che hanno imparato che il camion conteneva machete e asce per un’impresa criminale. Tensione acuta seguì tra i giovani e coloro che sono stati scaricando il veicolo.

Il FARDC e la polizia è dovuta intervenire per evitare che i giovani dando fuoco alla Sala del Regno dei Testimoni di Geova. 
A sua volta, fonti di sicurezza parlano piuttosto di un veicolo che trasportava diversi oggetti appartenenti ai Testimoni di Geova e ONG internazionale OXFAM.Secondo le stesse fonti, questo veicolo a partire da Domenica sera è il motivo FARDC banco informazioni per le indagini.

Secondo Kyangu Jacques, capo dei testimoni di Geova a Beni, il veicolo in questione è stato caricato con Bibbie, libri e opuscoli per l’evangelizzazione biblica. Cedar Kanani, direttore della ONG Oxfam / Beni dice che questo camion conteneva anche impianti idraulici per la realizzazione di opere idriche, igienico-sanitarie della città.

Più di 300 persone sono state uccise negli ultimi sei territorio di Beni, spesso a colpi di machete, secondo un rapporto preparato dalle autorità provinciali.Questi massacri ripetuti sono spesso attribuiti ai ribelli ugandesi ADF attivi in ​​questa regione.

La scorsa settimana, i residenti di diverse località Beni seguito la serie “città morte”, lanciato dalla società civile per protestare contro l’azione delle autorità contro l’insicurezza che ritiene inefficiente.

http://radiookapi.net/actualite/2015/05/18/beni-des-jeunes-interceptent-camion-suspecte-de-transporter-des-machettes/ (traduzione automatica google)

LOGO2

Quo Vadis a.p.s. di Modena sta ricevendo molte vostre segnalazioni di notizie, link e esperienze personali.

VI RINGRAZIAMO

PER IL VOSTRO SOSTEGNO,

E LA VOSTRA FIDUCIA.

Potete scrivere a: quovadis.aps@gmail.com oppure a: politi.rocco@gmail.com oppure scrivere per posta ordinaria a: 

Quo Vadis a.p.s. via Toniolo 110/1 41122 Modena

GRAZIE A TUTTI PER LA COLLABORAZIONE.

Q-QUO-VADIS-FB21

Sostenete la pagina di QUO Vadis a.p.s.

cliccate mi piace su

>> https://www.facebook.com/quovadisaps <<

<<<<<   >>>>>

 quovadis.aps@gmail.com

telefono  392 1539014

Avviso: Ci scusiamo per eventuali errori. La traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte.