LE CHIACCHIERE STANNO A ZERO….17/6/2015

MASTER

LE CHIACCHIERE 

STANNO A ZERO….

1 2

Rocco Politi


LOGO2

Quo Vadis a.p.s. di Modena sta ricevendo molte vostre segnalazioni di notizie, link e esperienze personali.

VI RINGRAZIAMO

PER IL SOSTEGNO, E LA FIDUCIA.

Potete scrivere in posta elettronica a: 

quovadis.aps@gmail.com 

e a: 

politi.rocco@gmail.com 

oppure scrivere per posta ordinaria a: 

Quo Vadis a.p.s. via Toniolo 110/1 41122 Modena

GRAZIE A TUTTI PER LA COLLABORAZIONE.

Q-QUO-VADIS-FB21

Sostenete la pagina di QUO Vadis a.p.s.

cliccate mi piace su

>> https://www.facebook.com/quovadisaps <<

<<<<<   >>>>>

 quovadis.aps@gmail.com

telefono  392 1539014

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, in formato elettronico, a condizione che non si cambi nulla e che si specifichi la fonte.

23 thoughts on “LE CHIACCHIERE STANNO A ZERO….17/6/2015

  1. Ma se nella riflessione precedente io gli ho fatto 1 domanda UNA non tante mi ha risposto “I Testimoni prestano soccorso alle vittime dell’alluvione in Angola” ma cosa c’entra con la domanda che ti ho fatto? poi mi dice che noi dissociati “infamiamo” perchè gli ho scritto che gli intendimenti del corpo direttivo non si adempiono vedi generazione.Deduco che non ha molta dimestichezza con l’italiano,ecco cosa dice il dizionario Treccani sul termine infamia “Condizione di disonore e di biasimo pubblico grave in cui viene a trovarsi una persona che abbia commesso azioni vergognose o conduca vita notoriamente riprovevole” non mi sembra che rispecchiamo queste caratteristiche,d’altra parte quando si risponde a pappagallo senza sapere ciò che si dice è inevitabile scrivere certe frasi.Ho scritto questo dott. Politi perchè se a me risponde in questa maniera contorta e confusionaria,dubito fortemente che risponda in maniera chiara e comprensibile alle domande che le ha posto.Rimaniamo fuduciosi

  2. Mi pare di aver sentito da qualche parte che i Testimoni di Geova attualmente siano in otto milioni nel mondo. Io ricordo che circa vent’anni fa essi si vantavano, attraverso le loro pubblicazioni, di essere in sei milioni; io non sono un demografo ma neanche uno stupido; ammettiamo che i loro criteri di censimento siano onesti e credibili (scientifici?): rispetto al notevole incremento della popolazione mondiale nell’ultimo quarto di secolo xx, più 15 anni del nuovo secolo, mi pare che l’incremento parallelo nel corso dello stesso periodo preso in esame, di soli due milioni di unità di Testimoni, sia una netta perdita e non un incremento reale.

  3. Dott.Politi mi astengo dal fare ulteriori commenti sul fratello oreb in quanto ne ho già fatti a sufficenza nell’articolo precedente,visto che lei le ha addirittura stilato una pagina in suo onore, mi auguro che stia facendo ricerche per risponderle accuratamente.
    Attendiamo fiduciosi.

    • Per quante ricerche uno possa fare, certo è che se il cervello non sa analizzare indipendentemente i fatti e le informazioni, senza costrizioni o plagi, nulla di buona se ne può trarre!! E in effetti dal buon Oreb nulla di buono si trarrà!!

  4. Bellissimo post, davvero impegnativo per il signor Oreb!! Certo che finire a discutere di statistiche mi sembra penoso, ma su questo campo è indubbio che non c’è nulla da festeggiare. All’epoca del nazismo il 90% dei tedeschi erano filonazisti, ma questo non giustifica il nazismo come una buona scelta politica…

  5. SBAGLIATO! I testimoni di Geova furono perseguitati dal regime nazista tra il 1933 e il 1945. Nella Germania nazista vivevano circa 25.000[1] Studenti Biblici (denominazione che allora avevano i testimoni di Geova). Si stima che circa 10.000 di essi finirono nei campi di concentramento e che di questi circa 2.500 furono uccisi. Centinaia di testimoni di Geova furono uccisi per il loro rifiuto di prestare servizio militare nella Germania nazista e di giurare ad essa fedeltà. Lo storico Sybil Milton sottolinea il loro coraggio nell’atteggiamento di rifiuto alla Germania nazista[2].

  6. IMBRATTARE IL WEB CON IL FANGO NON PORTA FRUTTO
    SE LA COSA è’ DA DIO, NIENTE E NESSUNO LA FERMERA’!
    SE NON LO E’…ALLORA DI CHE VI PREOCCUPATE???
    STATE ATTENTI A NON RIMANERE SOFFOCATI DAL VOSTRO FANGO…

    • Non ti preoccupare del fango in cui ci troviamo noi miscredenti!
      Pensa alla tua cecitá e al tuo fanatismo, tuo e della organizzazione cui aderisci!
      So che fa paura mettersi in gioco e valutare le proprie credenze più profonde con spirito critico, molti non ne hanno il coraggio!
      I fatti e le esperienze descritte dal buon Politi devo proprio sembrarti inaccettabili! Spera di non trovarti mai a vivere una situazione simile!

      Ribadisco che comunque i tuoi commenti sul nazismo sono totalmente inutili perchè non ho parlato bene del nazismo! Sveglia!!!!!

  7. Il ricordo di Hermann Langbein[28]
    Un gruppo si guadagnò rispetto per il suo rigore e la sua pulizia morale: i testimoni di Geova … Tutte le testimoni di Geova che io ebbi modo di conoscere erano corrette, gentili, pronte a prestare aiuto, decisamente avverse al nazionalsocialismo e non si lasciavano corrompere dalla loro posizione privilegiata. I

  8. Il ricordo di Hermann Langbein[28]
    Un gruppo si guadagnò rispetto per il suo rigore e la sua pulizia morale: i testimoni di Geova … Tutte le testimoni di Geova che io ebbi modo di conoscere erano corrette, gentili, pronte a prestare aiuto, decisamente avverse al nazionalsocialismo e non si lasciavano corrompere dalla loro posizione privilegiata. Il capo della sezione politica, Maximilian Grabner, dichiarò a verbale che le testimoni di Geova sfruttavano i loro contatti personali con i capi delle SS, stabilitisi per il fatto che lavoravano nelle loro case, per segnalare le malefatte più gravi compiute da uomini delle SS; ad esempio il comportamento tirannico della sorvegliante Irma Grese fu segnalato da una testimone di Geova. Hoss scrive a proposito di queste donne che le SS chiamavano di preferenza “le api della Bibbia”:

  9. sse venivano impiegate nelle famiglie delle SS dove c’erano molti bambini … Fra di loro c’erano anche delle strane creature. Una lavorava presso un ufficiale delle SS: faceva tutto quello che gli poteva leggere negli occhi, ma si rifiutava ostinatamente di pulire uniforme, berretto, stivali e insomma tutto ciò che fosse militaresco. Una di loro era capoblocco nell’edificio del comando. Julia Foldi-Skodova ricorda che, quando passò la sua prima notte in quel blocco questa donna, di nome Mizzi, venne nella camerata e disse nel suo dialetto viennese: “Buona notte ragazze!”. “Fu come se mi avessero fatto una carezza”. Tale fu l’effetto di queste parole gentili in quell’ambiente. Secondo le osservazioni di Benedikt Kautsky per molte testimoni di Geova la fedeltà alle loro convinzioni religiose si spinse fino al martirio consapevolmente vissuto.[29]

  10. Christine King ha detto: “i testimoni di Geova ebbero il coraggio di parlare. Parlarono chiaro sin dall’inizio. Parlarono con una sola voce. E parlarono con enorme coraggio”[16][38].

  11. Narciso Riet e le altre tre vittime italiane[modifica | modifica wikitesto]

    Cernobbio, targa in ricordo di Narciso Riet
    Per commemorare le “Vittime delle violazioni dei Diritti Umani” è stato istituito, nel parco di Cernobbio in provincia di Como Il “Luogo della Memoria”. Fra le tante targhe, su quella intitolata a Narciso Riet si può leggere:

  12. « In memoria di Narciso Riet “Testimone di Geova perseguitato per la sua fede”
    Nato in Germania da genitori friulani, conservò la cittadinanza italiana. Abbracciò la fede dei Testimoni di Geova, la cui attività era all’epoca proscritta. Nel 1943 si trasferì a Cernobbio a Piazza Santo Stefano. La sua casa divenne per qualche tempo il centro di coordinamento delle attività che gli allora pochi Testimoni italiani svolgevano clandestinamente. Scoperto dalla Gestapo e rinchiuso nel campo di concentramento di Dachau e altrove, nel 1944 fu condannato a morte dalla corte popolare di Berlino[39]. Fu tra le centinaia di Testimoni di Geova giustiziati per non aver sostenuto il regime nazista. (1908 – 1944 o 1945

  13. Le altre tre vittime italiane documentate da Italo Tibaldi ne La geografia della deportazione italiana sono: Salvatore Doria, «[…] arrestato il 15/11/1939 su indicazione dell’OVRA per motivi politici e condannato dal tribunale speciale il 19/4/1940 ad 11 anni di reclusione, deportato dal penitenziario di Sulmona a Dachau il 13/10/1943 matr. 56477 e il 9/12/1943 a Mauthausen matr. 40536»; Luigi Hochreiner di Bolzano e la sua convivente Helene Delacher giustiziata nel 1943[40][41][42].

  14. All’epoca del nazismo il 90% dei tedeschi erano filonazisti, ma questo non giustifica il nazismo come una buona scelta politica

    Cosa c’ė di sbagliato? Forse Aurelio non ha capito quello che commentato ma si é scaldato comunque molto… Prima di commentare io penso sarebbe utile imparare a leggere! Voi TG pensare di comprendere la veritá ma nemmeno capite un commento di due righe in italiano… Fareste ridere se non faceste piangere!!!

    Lordare il sangue dei martiri è osceno, io rispetto i martiri, anche se plagiati da una stupida multinazionale… Dove sarebbe stato lordato il loro sangue se non dalla dimostrazione di ignoranza di Aurelio, che scambia un commento a favore per uno contro?

    • anche la chiesa cattolica è una ..stupida multinazionale come lo sono tutte le grandi religoni monoteiste: il vero STIPIDO E APOSTATA SEI solo te! un credo religioso che abbraccia tutto il globo….è una stupida multinazionale!!!!!!!!!!
      sei un idiota!! da brivido

      • Che esaltati che siete voi TG, paragonabili per ignoranza e per presunzione ai peggiori fondamentalisti. Ma quale credo religioso che abbraccia il globo!! E’ una multinazionale, una tipografia il cui consiglio di amministrazione è il cosiddetto Corpo Direttivo e che fa il bello e il cattivo tempo prendendo in giro i suoi adepti in tutti i modi possibili e coprendo molti comportamenti a dir poco discutibili.
        Non che mi interessi, mi spiace solo che mia sorella e i miei genitori fanno parte di questa farsa ridicola. Vergognati per favore, di essere così cieco e apri gli occhi!!!
        Rifletti sul fatto che la generazione del 1914 che doveva vedere la fine del mondo viene spostata sempre più avanti, che cosa si inventeranno tra un po’ per tenere dentro i creduloni come te?? Sono davvero curioso!!!

  15. Ahahahaha!! Non me la prendo per insulti che arrivano da gente come te!
    Per me il valore di chi non utilizza il cervello è 0, i tuoi insulti mi fanno sorridere!!
    Comunque chi sta sbagliando sei te, frequentatore di siti apostati!! Geova non è contento che tu navighi certi siti!!

    Ahahahah!!!

  16. esiste il libero arbitrio… provo solo ribrezzo e disgusto verso
    le vostre chiacchiere amare.. io non entrero piu a leggervi nemmeno morto ma voi siete costretti a rimanere qui..
    da vomito

  17. Se nella tua organizzazione esiste il libero arbitrio, allora prova a dirglielo agli anziani della tua congregazione, che frequenti blog apostati per difendere la verità, poi vedi se ti fanno i complimenti o se ti tirano le orecchie?

  18. Vai a provare disgusto e ribrezzo da qualche altra parte allora, e lascia gli apostati a grufolarsi nel loro stesso vomito!!!

    Vai a crogiolarti nella tua illusoria certezza della fine del mondo e della giustizia divina!!

    Noi apostati, per certo, non siamo obbligati a frequentare questo blog nè altri simili… se lo facciamo è solo per piacere, non per disgusto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


9 − = due