Fessler prevale nel processo di abuso su minore nei Testimoni di Geova – Sintesi del processo – parte 2 3/2/2017

BASE DOC

Fessler prevale nel processo di abuso su minore nei Testimoni di Geova, un anziano dice: “ho appreso dei privilegi del clero alla TV”, ammessa l’eliminazione di documenti

Sintesi del processo 

Parte due

E’ una mattina d’estate a Reading in Pennsylvania. Ho attraversato i binari della ferrovia, poi ho preso la Penn Street, caffè, valigetta e pranzo al sacco in mano.

Erano le 8.30 del mattino. Migliaia di Testimoni, indossanti il distintivo del Congresso, si dirigevano verso l’entrata principale, passando davanti quest’uomo come se fosse invisibile.A pochi passi dal Sovereign Convention Center, qualcosa ha attirato la mia attenzione. All’angolo tra la Penn e la 7th Avenue, un uomo solitario stava in silenzio con un grande manifesto che diceva “Sono stato molestato da un Anziano dei Testimoni di Geova“.

La sua presenza silenziosa proclamava pacificamente che aveva sofferto un’ingiustizia ma nessuno si fermava. Nessuno sembrava preoccuparsi. Le loro menti erano intensamente concentrate sull’entrare nell’edificio con l’aria condizionata e sfuggire al calore che si stava intensificando all’esterno.

Non ricordo quello che indossavo quel giorno. Non ricordo in quale ristorante sono andato quella sera. Non ricordo in quale hotel ho alloggiato. Ma ricordo l’uomo con il cartello.

La sua presenza mi perseguitava. Perché era lì? Perché nessuno gli parlava? Che cosa aveva fatto di male? Perché veniva trattato come un lebbroso?

Nel frattempo, a pochi passi di distanza, una giovane ragazza di nome Stephanie Fessler era stata abusata da una donna Testimone di Geova di tre volte la sua età. Quando il rapporto è stato scoperto, sono stati informati gli Anziani di congregazione di due Stati. Questi Anziani hanno contattato il loro ufficio legale di Patterson, New York. Gli Anziani hanno rimproverato, prima in privato, poi pubblicamente, sia Stephanie che il suo aggressore, Terry Monheim. Alla polizia non è mai stato notificato nulla. I servizi di protezione dell’infanzia non sono mai stati informati. I genitori della Fessler si trovavano tra l’incudine della loro religione e il martello del fare la cosa giusta. Il padre di Stephanie, Kevin Fessler, era un Anziano. Purtroppo, nessuno ha fatto la cosa giusta.

Sette anni dopo, Stephanie Fessler, all’età di 22 anni, ha finalmente trovato il coraggio di raccontare la sua storia alla polizia. Di conseguenza, la Monheim è stata arrestata, dichiarata colpevole di molteplici accuse ed è stata condannata al carcere e alla libertà vigilata. Monheim è stata inserita nella lista Megan.

Purtroppo, il danno era ormai fatto. L’angoscia mentale, l’infanzia distrutta, la mancanza di protezione da parte dei suoi genitori e degli Anziani della congregazione hanno lasciato Stephanie Fessler traumatizzata e permanentemente ferita. A meno che non sei una vittima di abuso sessuale infantile, non potrai mai comprendere appieno quello che ha passato.

Stephanie non voleva che la sua tragedia capitasse a qualcun altro. Gli Anziani dei Testimoni di Geova e le corporazioni di cui fanno parte, la Watchtower Bible and Tract Society di New York e la Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova, sono state convocate ad un processo civile che è iniziato il 7 febbraio 2017.

Come riportato da JW Survey, il 13 febbraio, le corporazioni dei Testimoni, insieme alla Congregazione dei Testimoni di Geova di Spring Grove, hanno raggiunto un accordo finanziario con la Fessler, dopo soli quattro giorni di testimonianze.

Utilizzando lo stesso linguaggio della Watchtower, l’avvocato della Fessler, Jeffrey Fritz, ha dichiarato: “La questione con i Testimoni di Geova è stata risolta”.

Giorno 2: entra Eric Hoffman

E’ difficile capire cosa sia peggio tra un Anziano che molesta un bambino o un intero gruppo di Anziani che vengono a sapere di un’accusa di abuso ma ignorano la loro responsabilità di informare le autorità e cercare di ottenere aiuto per la vittima. Questa domanda è entrata nella mia mente non appena mi sono seduto sulla mia traballante sedia di legno al City Hall di Filadelfia. I miei pensieri sono stati interrotti all’1:15, quando Eric Hoffman, Anziano della Congregazione di Spring Grove PA, è entrato nella stanza e ha prestato giuramento dinanzi al funzionario del tribunale.

L’avvocato della signora Fessler, Gregg Zef, non ha perso tempo nell’interrogare Mr. Hoffman, iniziando dal suo ruolo di Anziano dei Testimoni di Geova. Hoffman è un Anziano dal 1994.

Zef: Un Anziano è un membro del clero?

Hoffman: Non siamo etichettati come clero. Non veniamo pagati.

Nonostante la negazione che gli Anziani siano parte di un clero, Zef ha continuato il suo interrogatorio:

Zef: Signore, è d’accordo con il fatto che il clero deve segnalare gli abusi sessuali sui bambini per proteggere le vittime da ulteriori danni?

Hoffman:

Zef: E’ d’accordo che il clero non deve mai tenere una violenza sessuale su un bambino segreta per proteggere la congregazione?

Hoffman:

Zef: Lei non ha alcun addestramento riguardo i colloqui con bambini vittime di abusi sessuali, giusto?

Hoffman: No

Come i nostri lettori ricorderanno dal nostro articolo precedente su questo caso, il rappresentante della Watchtower, Thomas Jefferson, aveva testimoniato per 2 giorni consecutivi dicendo che gli Anziani dei Testimoni di Geova non sono ecclesiastici, con l’implicazione che le leggi che si applicano ai membri del clero non si applicano agli Anziani Testimoni. Mr. Hoffman ha confermato tale affermazione. Zef ha iniziato una nuova linea di domande relative al rigoroso requisito per gli Anziani di seguire le direttive della loro sede centrale, o affrontare delle conseguenze:

Zef: Lei ha ricevuto lettere dalla Watchtower, non è vero?

Hoffman: E’ quello che c’è sull’intestazione, corretto.

Zef: E lei si basa su quelle lettere di istruzioni dalla Watchtower per eseguire le sue funzioni come Anziano, non è vero?

Hoffman: Ci basiamo su quelle, si

Zef: Va bene. Se lei non dovesse seguire le istruzioni, la Watchtower potrebbe rimuoverla dalla posizione di Anziano, non è vero?

Hoffman: Potrebbe, sì.

Zeff: E la Watchtower dirige l’attività degli Anziani, non è vero?

Hoffman: Riceviamo direttive da loro, corretto

Zef: Lei non riceve direttive da nessun altro, giusto?

Hoffman: No

Stabilito che l’Anziano Hoffman ha preso ordini direttamente dalla sede centrale della Watchtower, Zef poi ha posto una domanda fondamentale che ha rivelato che Hoffman era ben consapevole delle accuse di abuso su un minore:

Zeff: Nell’autunno del 2005, lei sapeva che vi era un sospetto abuso su minore che coinvolgeva Stephanie Fessler, non è vero?

Hoffman: Nell’autunno del 2005?

Zeff: Si

Hoffman: Si

Zef: Va bene. E lei, insieme a Neal Cluck, che era un altro Anziano, avete appreso di questo e avete formato un comitato, non è vero?

Hoffman: Credo che sì, sia andata così

Zef: Va bene. E lei non ricorda proprio nulla di specifico che il padre o la madre di Stefano vi hanno detto, vero?

Hoffman: Corretto

Zef: Va bene. Durante il primo incontro… avete avuto due incontri, non è vero?

Hoffman: Si

Zef: Va bene. Quindi, non si ricorda quando è avvenuto il primo incontro?

Hoffman: Secondo le mie note, il primo incontro è stato verso la fine di settembre del 2005

Zef: Va bene. Ebbene, di quali note sta parlando, signore?

Hoffman: Abbiamo scritto qualche nota

Zef: Diamo un’occhiata a queste note, allora

A questo punto, l’avvocato Zef ha fatto proiettare le note di Eric Hoffman sullo schermo per la giuria. Come affermato dalla difesa nel dibattito di apertura, la Watchtower aveva sperato che i suoi Anziani avrebbero testimoniato che non erano a conoscenza di alcun rapporto fisico o sessuale tra Fessler e Seipp [Monheim] nel 2004 e non avessero appreso nulla al riguardo fino al 2005.

Zef: E’ consapevole che Stephanie Fessler e Terry Seipp hanno testimoniato anticipatamente che sono state riprese e disciplinate nel 2004?

Hoffman: No, non lo sapevo

Zef: Va bene. Quindi, quando dice che avete avuto due incontri, è sicuro che il vostro primo incontro ha avuto luogo nel 2004-2005, piuttosto che nel 2004?

Hoffman: Corretto

Zef pressa ora Hoffman più duramente:

Zef: E’ consapevole che Jodee Fessler ha testimoniato o testimonierà in questo caso, che il vostro primo incontro è avvenuto nel 2004?

Hoffman: Può essere, ma non ho appunti e non ho alcun ricordo di un incontro nel 2004

Hoffman comincia a cedere, la sua memoria diventa improvvisamente sfocata:

Zef: Quindi, è possibile che sia accaduto, che potrebbe avere ragione?

Hoffman: Potrebbe essere, ma non ricordo niente

Zef: Va bene. E il secondo incontro, l’incontro che ha avuto luogo nel 2005, ha delle note di quello?

Hoffman: Corretto

Zef: Quindi, se Stephanie Fessler, Jodee Fessler e Terry Seipp testimonieranno che sono state coinvolte in comitati giudiziari nel 2004, lei non avrebbe alcun motivo di dubitare di loro, vero?

Hoffman: Sì, perché non ci sono note di un comitato giudiziario nel 2004

Zef: Bene, le è stato ordinato di distruggere eventuali note inutili?

Hoffman: Le uniche note che ho sono queste

Hoffman, chiaramente scosso dalla sfilza di domande, non è in grado di ricordare la politica della Watchtower relativa a quello che possono e non possono distruggere, così Zef si concentra su quella che è l’unica cosa che è diventata cristallina per la giuria: Hoffman sapeva che Stephanie era stata vittima di abusi.

Zef: Così, nel 2005, almeno, vi è stato detto che una ragazza di 16 anni si scambiava effusioni con una donna di 50 anni?

Hoffman: Corretto

Zef: Va bene. Sospettavate, a quel punto, che potesse essere un caso di abuso su un minore, non è vero?

Hoffman: Sospettavamo che stava succedendo qualcosa che non doveva

Mentre Hoffman tentava di eludere l’ammissione che si trattasse di un rapporto sessuale, Zef l’ha messa in un modo leggermente diverso:

Zef: È stato spiegato che si baciavano sentimentalmente?

Hoffman: Giusto

Zef: Come farebbero un ragazzo e ragazza, giusto?

Hoffman: Um-hum.

Zef: Come marito e moglie?

Hoffman: Giusto

Zef: E non sospettavate che si trattasse di abuso su un minore?

Hoffman: Beh, è questo il motivo per cui abbiamo formato un comitato, allora

Zef: Va bene. Quindi, avete formato un comitato perché avevate un sospetto?

Hoffman: Perché avevamo il sospetto, si

La testimonianza di Hoffman scorreva come un problema di matematica dove tante equazioni diverse indicano tutte la stessa indiscussa risposta. Ma vi erano più parti coinvolte e l’avvocato Zef le ha portate nell’equazione:

Zef: Quando avete formato il comitato, avete contattato la Watchtower?

Hoffman: Abbiamo contattato l’ufficio legale

Zef: Va bene. Beh, questo è dopo aver appreso tutto quello che dovevate. Ma nel formare il comitato, avete chiesto una guida per quanto riguarda quello che si doveva fare e come si dovevano fare domande?

Hoffman: No

Il procuratore Zef ha iniziato a chiedere conto sulle incongruenze nella testimonianza precedente di Hoffman, prima del processo, ma quando Hoffman non è riuscito a fornire un ricordo della sua deposizione, Zeff ha infine detto alla corte: “Io passo oltre, Vostro Onore“. Invece di accettare in silenzio questa affermazione, l’avvocato per la Congregazione di Spring Grove, Jud Arron, ha commesso l’errore di scherzare con la corte:

Aaron: Nessuna obiezione

Giudice Mary C. Collins: No. Basta! Non voglio nessun inutile commento irrilevante o sprezzante da uno qualsiasi degli avvocati che stanno partecipando a questo processo

Jud Aaron, imbarazzato e rosso in viso, si scusa con il giudice e la corte.

Zef ottiene da Hoffman l’ammissione di aver consultato le lettere agli Anziani e il manuale degli Anziani durante la gestione del caso Fessler, poi dice:

Zef: Oltre a baci ed effusioni, Stephanie Fessler vi ha detto che c’erano stati anche diversi abbracci impropri, non è vero?

Hoffman:

Zef: E palpate al seno?

Hoffman:

Zef segue queste domande chiedendo ad Hoffman di leggere i suoi appunti dalla riunione giudiziaria di Spring Grove del 2005 dove, tra gli altri dettagli, Hoffman ha scritto:

“E’ stato poi appreso durante l’incontro che c’erano state palpate dei seni più di una volta … “

Zef: Non vi siete preoccupati del fatto che c’era una donna di 50 anni di un’altra congregazione che si scambiava effusioni e toccava il seno di una 16-enne?

Hoffman: L’abbiamo fatto

Zef: Va bene. Avete avvertito nessuno di questo?

Hoffman: Abbiamo parlato con Stephanie

Zef: Va bene. Non avete informato l’altra congregazione che Stephanie vi aveva detto che i suoi seni erano stati palpati e che lei si scambiava effusioni con una donna di 50 anni?

Hoffman: Credo che abbiamo avuto una conversazione con loro solo per assicurarci che le storie fossero le stesse

Zef: Avete informato la Watchtower?

Hoffman: Sì. Abbiamo chiamato l’ufficio legale.

La tensione si è intensificata dato che la testimonianza di Hoffman aveva appena chiaramente dimostrato che gli Anziani di due congregazioni erano a conoscenza degli abusi, che il rapporto era indiscusso e che la Watchtower ne era a conoscenza. È stato inoltre rivelato che, mentre tutto questo stava succedendo, il marito di Terry Seipp [Monheim], Dana, aveva assunto un investigatore privato per seguire Terry, sospettando ciò che la moglie stava facendo.

All’improvviso, in una mossa disperata, l’avvocato della Watchtower, John Miller, interviene e chiede un consulto con il giudice

Miller: Mi dispiace, Vostro Onore. Si è già pronunciata. E’ troppo tardi per chiedere, ma a meno che ciò non violi il privilegio avvocato / cliente, questo è il formato che avete seguito, le istruzioni che avete ottenuto dal dipartimento legale. Questo è chiedere assistenza legale.

Zef: Giudice, è stato rinunciato a questo privilegio. E’ stato chiesto nella deposizione ed è stato risposto. Sono state chieste queste domande. Hanno già risposto in deposizione. Non si può rinunciare al privilegio in deposizione e far valere il privilegio al processo, quando è già stato rinunciato. C’è molta giurisprudenza su questo.

Miller: Non l’abbiamo sollevato lì?

Zef: No. Non è stato sollevato per niente. Posso mostrarvi le pagine, 19, 20, 21, 23 della deposizione

Miller: Mi fido se lei è…

Zef: Eccoli, dove sono i numeri sulle pagine?

Miller: Allora, abbiamo perso su di lui alla grande. Bene, allora, sto sprecando il vostro tempo

Giudice Collins: Va bene. Continuiamo.

L’avvocato della Fessler, Zef, non ha lasciato nulla di intentato, mentre premeva Hoffman ancora di più:

Zef: La ragione per cui ha contattato l’ufficio legale è stato per conoscere i vostri obblighi in materia di informativa sugli abusi sessuali. Non è vero?

Hoffman: Si

Zef: E dopo aver parlato con l’ufficio legale, non avete segnalato l’abuso sessuale a nessuna autorità in Pennsylvania, vero?

Hoffman: Non l’abbiamo segnalato alla polizia, no

Zef: Non avete mai ricevuto alcuna istruzione di alcuna autorità legale in Pennsylvania a cui segnalare sospetti abusi sui minori, vero?

Hoffman: No

Zef: E non avete detto ai genitori di Stephanie Fessler che potevano andare alla polizia, vero?

Hoffman: Probabilmente no

Zef: Va bene. Non l’avete fatto. Grazie. Non ho più nulla da aggiungere.

Zef, soddisfatto di aver estratto abbastanza verità da Hoffman, ha lasciato la parola all’avvocato assunto da Spring Grove, Jud Aaron. Aaron ha discusso prima della deposizione di Hoffman, in cui è stato menzionato Thomas Jefferson, con scarso effetto, poi ha chiesto ad Hoffman sulla sua posizione di Anziano e ha ottenuto da Hoffman la descrizione dell’umile semplicità di una tipica Sala del Regno.

Nell’interrogatorio di Hoffman da parte di Aaron è stato interessante la menzione che i genitori di Stephanie erano andati da lui nel 2005 in cerca di aiuto data la sua posizione come Anziano ordinato dei Testimoni di Geova. A questo punto del processo, questo ha avuto delle conseguenze dal momento che Hoffman e la Watchtower stavano ancora sostenendo, al 2° giorno di processo, che gli Anziani non sono membri del clero. Sembra che il ragionamento che l’avvocato volesse fare era che se Hoffman non era un membro del clero allora non avrebbe avuto l’obbligo di segnalare la relazione alla polizia.

Aaron: I [Fesslers] sono venuti da lei a motivo della sua posizione di Anziano?

Hoffman: Sì.

Aaron: Va bene. Le hanno detto che Stephanie Fessler e Terry Seipp avevano una sorta di una relazione?

Hoffman: Questo è il modo in cui me lo ricordo, una sorta di rapporto, corretto.

Aaron: E che cosa si aspettavano che facesse? Che cosa ha fatto come Anziano?

Hoffman: La prima volta ci siamo incontrati con Stephanie solo per determinare che cosa stava succedendo, per darle un aiuto biblico, qualche consiglio per, si spera, aiutarla a cambiare il suo comportamento, per scoprire cosa stava succedendo.

Aaron: Cosa vuol dire “aiuto biblico,” in generale?

Hoffman: Semplicemente mostrare alcune scritture, alcuni versi sul tipo di comportamento che stava conducendo, che stava andando contro i principi biblici e come aiutare a… come andare contro quello.

Jud Aaron porta poi Hoffman a testimoniare che, nel 2005, i Fessler non gli avevano detto che c’erano stati rapporti sessuals tra Stephanie e Terry. Questo era chiaramente una contraddizione dato che sarebbe stato un po’ insolito per dei genitori Testimoni chiedere aiuto agli Anziani se il rapporto fosse stato un normale rapporto tipo madre-figlia. Aaron tenta di dimostrare che Hoffman non sapeva nulla fino a quando non ha personalmente affrontato Stephanie nel 2005.

Aaron: Lei ha detto che vi siete incontrati con Stephanie nell’autunno del 2005?

Hoffman:

Aaron: Va bene. Avete provato a determinare quel’era la natura della relazione?

Hoffman: Sì, l’abbiamo fatto.

Aaron: Avete provato a determinare se era o non era sessuale?

Hoffman: Sì, l’abbiamo fatto.

Aaron: Ed è stato nel corso di un incontro con la signorina Fessler nell’autunno del 2005 che avete appreso che c’era stato qualche contatto sessuale tra di loro?

Hoffman:

Curiosamente, Aaron interroga Hoffman se sia stato chiesto alla vittima se era nuda con la Monheim o avesse partecipato al sesso orale. Incredibilmente, Hoffman afferma che non aveva saputo dalla Fessler se ci fosse stato contatto di genitali o se i due erano stati nudi insieme, pur avendo appena testimoniato che sapeva che c’era stato un rapporto sessuale.

Aaron torna ancora una volta alla sua argomentazione sul 2014, questa volta facendo una domanda ipotetica.

Aaron: Se un anno prima, nel 2004, sto chiedendo della vostra prassi ora, un anno prima, nel 2004, a 15 anni, un membro della congregazione femminile vi avesse detto che lei e una donna di 49 o 50 anni erano coinvolte in una relazione che includeva baci intimi, a bocca aperta, alla francese, romantici, come volete chiamarli, avreste chiamato l’ufficio legale per una consulenza?

Hoffman: Sì, l’avremmo fatto

Aaron: Va bene. Ha qualche ricordo di averlo fatto un anno prima, nell’autunno del 2004?

Hoffman: No.

Aaron: Beh, lasci che le chieda di lei. Hai mai detto a Mr. e Mrs. Fessler che non avrebbero dovrebbero denunciare questa relazione alle autorità?

Hoffman: No.

Aaron decide di concludere il suo interrogatorio del testimone. John Miller per la Watchtower non ha domande per Mr. Hoffman e la parola torna al querelante e Mr Zef.

Zef: Ha memoria specifica, sedendo qui oggi, di cosa si tratta, dieci, undici, anni undici e mezzo fa sull’aver chiesto a Stephanie Fessler se non avesse fatto sesso orale?

Hoffman: Beh, secondo i miei appunti, le abbiamo chiesto se c’era qualcos’altro in gioco e lei ha detto no

Zef: Va bene. Così, le avete chiesto se c’era qualcos’altro coinvolto?

Hoffman: Giusto.

Zef: Non le avete chiesto se aveva fatto sesso orale. Non le avete chiesto se era nuda?

Hoffman: Potremmo non averlo fatto, no.

Zef: Considerate le effusioni intime e le palpate di seni come atti sessuali?

Hoffman: Sì.

Zef: E quando vi siete rivolti al dipartimento legale, non eravate davvero sicuri su cosa fare con questa situazione, vero?

Hoffman: Questo è corretto

Zef: E vi siete affidati all’ufficio legale?

Hoffman: Sì, l’abbiamo fatto

Zeff: E l’ufficio legale fa parte della Watchtower?

Hoffman:

Zef: Va bene. Se l’ufficio legale vi avesse detto di denunciare il fatto, l’avreste fatto?

Hoffman: Sì, l’avremmo fatto

Zef completa il suo esame chiedendo ad Hoffman di spiegare il rimprovero pubblico di Stephanie Fessler da parte degli Anziani di Congregazione, poi gira il testimone per l’ultima volta alla difesa. Questa volta, l’avvocato della Watchtower, Miller, decide di fare a Mr. Hoffman una domanda.

Miller: Mr. Hoffman, solo brevemente. Lei ha detto che l’ufficio legale faceva parte della Watchtower. Lei sa se è parte della Watchtower o della Filiale degli Stati Uniti o di qualche altra entità? Lo sa?

Hoffman: Noi riceviamo semplicemente informazioni su carta intestata. Non sono sicuro di quale ramo o filiale sia coinvolto. E’ nella Filiale degli Stati Uniti.

Miller: Va bene. È tutto. Grazie.

Alla fine della sua testimonianza, Hoffman aveva ammesso sul banco dei testimoni che un membro del clero deve riferire le accuse di abusi sessuali su minori, ma ha negato di essere un membro del clero. Ha inoltre ammesso che le sue istruzioni provenivano direttamente dalla Watchtower, ma sembrava confuso per quanto riguarda la differenza tra Watchtower e Filiale degli Stati Uniti. Hoffman ha riconosciuto che era ben consapevole di un rapporto sessuale tra Fessler e Monheim non oltre il 2005, ma ha perso ogni ricordo della riunione del 2004 con Fessler, nella quale è stata rimproverata privatamente. Infine, Hoffman ha ammesso che non ha contattato le autorità e non ha avvertito i genitori di Fessler di prendere contatto con le autorità. Ha ceduto il suo potere decisionale all’ufficio legale della Watchtower, testimoniando che se gli avessero detto di andare alla polizia l’avrebbe fatto. Questo non è mai avvenuto.

Anziano #2: Donald Hollingworth

Dall’altra parte della linea Mason-Dixon si trova la congregazione del Freeland, Maryland dei Testimoni di Geova. Questa piccola, affiatata comunità nelle zone rurali della contea di Baltimora ha pochi soldi e un semplice Sala del Regno. Ricordo la donazione e l’installazione di apparecchiature audio in questo luogo dopo che il membro della congregazione Terry Monheim aveva abusato di Stephanie Fessler, ma tre anni prima del suo arresto. Ero inconsapevole che un predatore fosse in agguato nelle vicinanze.

Non potevo immaginare che, in pochi anni, mi sarei seduto in un tribunale di Philadelphia, osservando il potente avvocato Jud Aaron nel tentativo di difendere le azioni oltraggiose degli Anziani Gary Neal, Scott Wagner e Donald Hollingworth. Neanche in mille anni di lavoro potrebbero trovare i soldi per pagare i suoi servizi, ma lui era lì.

Donald Hollingworth è ormai vecchio, indossa un apparecchio acustico e vive a Toms River, nel New Jersey. Fedele Testimone di Geova per oltre 50 anni, Hollingworth è stato un Anziano per 40 di quegli anni. Ma con tutta la sua fedeltà alla religione dei Testimoni di Geova, Donald e gli altri Anziani hanno commesso un errore critico nel 2004 e nel 2005 che è costato alla loro società madre, la Watchtower, una notevole quantità di denaro. Ha anche danneggiato la reputazione dei Testimoni di Geova, che sono sotto intenso scrutinio globale per la loro cattiva gestione dei casi di abusi sui minori, per la loro pratica dell’ostracismo e per il fatto di negare ai propri membri il diritto ad alcuni trattamenti medici salvavita.

L’avvocato di Stephanie Fessler, Gregg Zeff, ha iniziato l’interrogatorio di Hollingworth con le stesse domande poste ad Eric Hoffman:

Zef: Mi piacerebbe sapere se è d’accordo che un membro del clero deve denunciare gli abusi sessuali sui bambini per proteggere la vittima da ulteriori danni?

Hollingworth: Se sono d’accordo su questo?

Zeff: Si

Hollingworth: Si

Zef: Ed è d’accordo che il clero non deve mai mantenere un abuso sessuale su un bambino segreto per proteggere la congregazione?

Hollingworth: Oh, si, si.

Zeff: Grazie

Dopo aver confermato che Hollingworth non ha alcuna formazione professionale nelle indagini sulle questioni di abusi sessuali, Zef va più nello specifico.

Zef: Va bene. Aveva qualche conoscenza, nel 2004 o 2005, degli obblighi in materia di informativa sui sospetti abusi su minori in Pennsylvania o nel Maryland?

Hollingworth: Sì.

Zef: Cosa sapevate, allora?

Hollingworth: Che non vi era alcun obbligo di segnalare dal punto di vista procedurale. Questo non significa che non mi sentivo in dovere, ma non vi era alcun obbligo giuridico di segnalarlo.

Zef: Signore, ha ricevuto tale informazione dal dipartimento legale?

Hollingworth: Questo è corretto

Zef: Va bene, e l’ufficio legale di che cosa?

Hollingworth: Dei Testimoni di Geova.

A questo punto, è da notare che Hollingworth aveva testimoniato che i membri del clero devono riferire le accuse di abusi sessuali alle autorità e non tenerli segreti, ma pochi istanti dopo ha dichiarato che secondo il dipartimento legale della Watchtower, non aveva il dovere legale di segnalare, nonostante il proprio sentimento sul dovere di riferire. Hollingworth si è nascosto sotto il doppio mantello della giustificazione, l’idea che lui non fosse un membro del clero, e il consiglio della sua organizzazione secondo cui non aveva nessun obbligo di denuncia.

Sembra incredibile come un qualsiasi Anziano Testimone possa fare la dichiarazione che i leader delle chiese di altre religioni hanno l’obbligo di denunciare ma i Testimoni di Geova sono in qualche modo esenti da quest’obbligo. I Testimoni insegnano che tutte le religioni sono “false” religioni, tranne la loro. I membri della giuria saranno rimasti sconcertati nel vedere come un’organizzazione che pretende di aborrire gli abusi sui minori sia così delinquente nell’evitare di aiutare le vittime.

Zef ha continuato il suo interrogatorio di Hollingworth, descrivendo le lettere della Watchtower agli Anziani. Hollingworth sembrava confuso quando Zef ha dichiarato che, prima del 2001, queste lettere provenivano dalla società Watchtower. Hollingworth ha dichiarato: “Non sono sicuro di questo … In questo momento non sono preparato per questa domanda, signore.

Mentre pressava sul rapporto tra Monheim e Fessler, Zeff ha chiesto:

Zef: Le non hai mai saputo l’età della ragazza che stava baciando, vero?

Hollingworth: Sapevo che era un adolescente e dell’età approssimativa dei figli di questa altra signora, perché stava con loro. Sapevo che non aveva ancora 19 anni. Sapevo che ne aveva più di 13, una via di mezzo.

Zef: E quando ha saputo di questo, fu formato un comitato, non è vero, un comitato giudiziario?

Hollingworth:

Zef: Va bene. Lei è stato il presidente di tale comitato?

Hollingworth: Non ero io. Era uno degli altri due fratelli. Non posso dirlo con certezza oggi.

Zef: Va bene

Hollingworth: Credo che fosse Gary Neal, ma non ne sono sicuro.

Zef: E una delle funzioni primarie del vostro comitato era quello di determinare se avevate o no degli obblighi verso le autorità riguardo tale questione.

Hollingworth: Obbligo di fare cosa?

Zef: Di segnalare alle autorità legali l’accaduto

Hollingworth: Non so se l’avevo… non lo so questo… sono andato per scoprire cosa stava succedendo e quindi non ho pensato più ad un sacco di altre cose che avrei dovuto fare fino a quando non ho potuto scoprire cosa stava succedendo.

Zef: Ma si è consultato con l’ufficio legale?

Hollingworth: Sì, l’ho fatto.

Zef: E vi è stato detto che non avevate avuto alcun dovere ai sensi del diritto del Maryland, giusto?

Hollingworth: Non avevo alcun obbligo di denunciare, è questo che mi sta chiedendo?

Zef: Sì. Non aveva alcun obbligo di segnalare?

Hollingworth: Nessun dovere legale.

Zef: Giusto

Hollingworth: Non c’era nessuna legge che diceva che dovevo denunciare

Zef: E, infatti, non ha denunciato nulla, vero?

Hollingworth: No, non l’ho fatto.

Zef: E nemmeno un qualsiasi altro membro del vostro comitato, che lei sappia?

Hollingworth: Non che io sappia

Hollingworth ammette la distruzione delle note

L’esame da parte di Zeff ha poi preso una piega interessante. Zef richiede la presentazione delle note di Hollingworth, prese nel 2005, durante l’incontro con l’autore dell’abuso, Terry Seipp:

Zef: Perché ha preso queste note?

Hollingworth: Perché non ho una buona memoria nel corso degli anni, degli affari di cui mi occupo e delle riunioni a cui vado e così prendo appunti nel caso ci sia un motivo per ricordare, nel caso ci sia una discussione più avanti, nel caso ci sia un altro incontro. Ho sempre preso appunti. E’ mia abitudine come uomo d’affari, ho sempre preso appunti.

Zef: E per quanto riguarda essere un Anziano, aveva l’abitudine di prendere appunti e strapparli ed eliminarli in alcune occasioni, non è vero?

Hollingworth: Sì, la distruzione è in una… sì, l’ho fatto una volta, ma non lo so. Io… sì, non li ho conservati. Non li ho conservati. Non volevo che potessero circolare o qualsiasi altra cosa.

Zef: Questo è qualcosa che le lettere agli Anziani suggeriscono o è richiesto che voi facciate, in realtà, cioè di non lasciare note in giro e distruggerle se non sono necessarie?

Hollingworth: Beh, questo è possibile. Ho sempre, cioè… io, se sono di carattere riservato, non avrei abbastanza buon senso se le lasciassi in giro.

Hollingworth ha rivelato un dettaglio fondamentale che l’organizzazione della Watchtower non vuole che il pubblico sappia, cioè che gli Anziani spesso eliminano, distruggono, spostano, nascondono e distruggono le note, non solo nei casi che riguardano “peccati” minori, ma anche quando le note riguardano accuse di abusi sui minori, contrariamente alla loro politica ufficiale.

Hollingworth invoca i privilegi clericali – Ha appreso di questo alla televisione

Il Procuratore Zef ha continuato a guadagnare slancio non appena ha richiamato l’attenzione alla sua prossima prova: gli appunti presi da Donald Hollingworth durante un’udienza giudiziaria dei Testimoni di Geova per Terry Monheim. Zef ha fatto visualizzare le note per la giuria:

Hollingworth: (leggendo le sue note): Dice: “Dopo la garanzia che i membri del comitato non avrebbero testimoniato in una causa legale, era sollevata e più disponibile

Zef: Allora, avete detto a Terry Seipp che nessun membro del comitato avrebbe testimoniato contro di lei?

Hollingworth: Beh, penso che sa… che sta pensando di qualcosa di diverso da quello che sto pensando io. Stiamo parlando di un caso legale e lei era preoccupata che il marito le chiedesse il divorzio o del pensiero che l’avrebbe fatto e noi le stavamo dicendo che non avremmo usato quello che ci avrebbe detto nel suo caso di divorzio contro suo marito, o viceversa . E abbiamo pensato che avevamo il diritto di farlo.

Zef: Ha appreso questo dal dipartimento legale?

Hollingworth: Prego?

Zef: Ha appreso questo dal dipartimento legale?

Hollingworth: No. L’ho appreso guardando la televisione, immagino …

Zef: Le ha appreso dalla televisione che se la donna avesse detto qualcosa durante il vostro comitato non avreste dovuto testimoniare in un procedimento di divorzio?

Hollingworth: Beh, non come membro del clero, penso che sarebbe diventato… beh, sa, forse mi sbaglio, ma ho pensato che sarebbe stato riservato.

A questo punto, Hollingworth è in trappola, messo in un piccolo angolo, non avendo alcun modo di uscirne senza fare danni. Nel 2005, ha interrogato un predatore sessuale ma, invece di contattare le autorità, ha assicurato a Terry Monheim che le sue confessioni agli Anziani non sarebbero state usate contro di lei in qualsiasi procedimento di divorzio. In qualche modo ha invocato i privilegi del clero, pur negando che egli sia un membro del clero. Inoltre, è del tutto ignaro che i privilegi clericali non esistono più nel momento in cui un gruppo considerevole di Anziani e altri individui sono stati messi a conoscenza dei crimini di Monheim.

Ad essere franchi, Hollingworth è apparso straordinariamente ignorante. Ciò che è più bizzarro è che lui sostiene che l’ufficio legale della Watchtower gli abbia consigliato che non aveva alcun obbligo di segnalare tali accuse o la confessione degli abusi sessuali. La legge del Maryland, al tempo dell’accaduto, obbligava la denuncia di abusi sui minori, ma le esenzioni per i membri del clero erano un po vaghe, cosa che probabilmente ha spinto l’ufficio legale della Watchtower a suggerire che non avevano l’obbligo di segnalare l’abuso. Nella maggior parte degli Stati, le esenzioni riguardo gli abusi sui minori diventano nulle una volta che i sacerdoti condividono le confessioni private di membri ad altri membri del corpo degli Anziani e ad altri individui, vale a dire il personale degli uffici legali e di servizi dell’organizzazione dei Testimoni di Geova.

L’interrogatorio continua e l’avvocato Zef ha richiamato l’attenzione sulle note di Hollingworth della sua telefonata al dipartimento legale della Watchtower.

Zef: Di cosa si tratta?

Hollingworth: Quelli erano i miei appunti su quando ho avuto… ho chiamato, contattato l’ufficio legale per discutere la questione con loro e ho scritto alcune note riguardo a quella chiamata.

Zef: Va bene. Lei, o chiunque altro del vostro comitato, avete mai contattato la congregazione di Spring Grove dove apparteneva Stephanie Fessler?

Hollingworth: No.

Zef: Qualcuno del vostro comitato ha contattato loro per…

Hollingworth:

Zef: Va bene. E sapevano che vi era un’indagine su un possibile abuso sessuale?

Hollingworth: Dovreste chiedere a loro cosa sapevano.

Zef: Va bene. Voglio andare alla sezione in basso dove dice “vogliono che rivediamo le lettere della società con tutti e sette gli anziani.” Lo vede?

Hollingworth: Sì, lo vedo

Zef: Che cosa voleva dire con questo?

Hollingworth: Quello che dice, rivedere le lettere con tutto il corpo degli anziani, tutti gli Anziani della congregazione.

Zef: Dice “con tutti e sette gli anziani”, sono tutti?

Hollingworth: Cosa dice?

Zef: Dice “vogliono che rivediamo le lettere della società con tutti e sette gli anziani.

Hollingworth: Sì, che era il nostro corpo degli Anziani in quel momento

Zef: Va bene. E aveva a che fare con la vostra indagine su Terry Seipp?

Hollingworth: Beh, è in… la mia telefonata era un’indagine che aveva a che fare con questo, sì. E per cosa mi hanno detto di leggere quelle lettere, non ricordo.

Zef: Chi le ha detto di leggere quelle lettere?

Hollingworth: Con chiunque stessi parlando presso il dipartimento legale. E io parto da questo presupposto perchè le note dicono questo. Non so per certo oggi chi mi ha detto di farlo, ma sto supponendo che sia successo. E io non dovrei fare ipotesi, dovrei?

Zef dichiara di avere copie di tali lettere e dice a Hollingworth che ora le vedranno, a partire dalla lettera al corpo degli Anziani del 1 luglio 1989. Hollingworth ammette che probabilmente ha letto questa lettera a quel tempo, riconoscendo che si trattava di un documento molto importante da rivedere.

Un’altra rivelazione è arrivata quando Zeff ha fatto riferimento all’articolo della Torre di Guardia del 1 Gennaio 1997 “Aborriamo ciò che è malvagio”, al sottotitolo “Se è un pedofilo?” la rivista dichiarava:

Se, per esempio, un individuo fa proposte immorali ad un altro adulto, l’adulto dovrebbe essere in grado di resistere alle sue avance. I bambini sono molto più facili da ingannare, confondere, o terrorizzare. La Bibbia parla della mancanza di saggezza di un bambino. (Proverbi 22:15; 1 Corinti 13:11) Gesù usò i bambini come un esempio di umile innocenza. (Matteo 18: 4; Luca 18:16, 17) L’innocenza di un bambino include una completa mancanza di esperienza. La maggior parte dei bambini sono aperti, desiderosi di compiacere e quindi vulnerabili ad abusi da parte di un adulto che conoscono e di cui si fidano. Pertanto, la congregazione ha la responsabilità davanti a Geova di proteggere i suoi figli.

Zef interroga Hollingworth:

Zef: Va bene. Si ricorda di aver riletto questo? E lo leggerò in modo da farlo capire. Si ricordi di aver riletto questa rivista al momento del comitato giudiziario? Si dice “I bambini sono molto più facili da ingannare, confondere o terrorizzare“.

Hollingworth: Non ricordo al momento del comitato ma, signore, come ho detto prima, ho avuto un sacco di bambini e sono molto consapevole di questo.

Zef: Va bene. E l’ufficio legale vi ha detto che avreste dovuto chiamare la polizia o avvertire i servizi per l’infanzia?

Hollingworth: Non avevo bisogno che me lo dicessero

Zef: Va bene.

Hollingworth: Io – non voglio dire di essere tranquillo o nulla, ma, no, ve l’ho detto, Io… aborro, che è una parola che è peggio di odio e non mi piace questa cosa e non mi piace essere coinvolto in questo anche ora o essere interrogato su questo.

Zef: Giusto. Non era necessario che le dicessero di chiamare la polizia, vero? L’avrebbe fatto comunque?

Hollingworth: Avrei fatto cosa?

Zef: Avrebbe chiamato la polizia anche se l’ufficio legale non gli avesse detto di farlo?

Hollingworth: Sì. Col senno di poi, sì.

Zef: Ma non l’ha fatto?

Hollingworth: Prego?

Zef: Non l’ha fatto?

Hollingworth: Ho già risposto.

Zef: Va bene. Non ha parlato con la congregazione di Stephanie Fessler circa la sua versione della storia, vero?

Hollingworth: Ho detto di no, non ho parlato con nessuno.

Zef stava chiedendo se la congregazione del Maryland avesse avuto discussioni significative con la congregazione di Spring Grove Pennsylvania per quanto riguarda il benessere di Stephanie Fessler.

Zef: Ancora una volta, Signore. Ha avuto la preoccupazione per il benessere della ragazza adolescente che era coinvolta con Terry Seipp? Era preoccupato per lei?

Hollingworth: Sì, ho interesse verso tutti i giovani, in assoluto… sì. Dovrei dire di no? Naturalmente, sarei un orco a dire no a questo.

Zef: Ma doveva seguire il consiglio del dipartimento legale, piuttosto che fare qualsiasi altra cosa, non è corretto?

Hollingworth: Sa, non avevo a che fare con una ragazza adolescente. Avevamo a che fare con Terry Seipp della nostra congregazione. C’era un’altra congregazione che aveva a che fare con la ragazza. Ciò non significa che … i miei sentimenti in materia e il mio pensiero in materia non si applicano a quello che è stato… a come è stato gestito. Quindi, mi sta confondendo e sta confondendo la questione.

Sembra che il confine invisibile tra il Maryland e la Pennsylvania, insieme alle istruzioni di Hollingworth del dipartimento legale della Watchtower abbiano annullato il suo giudizio, cosa che gli ha permesso di ignorare il fatto che era stato commesso un crimine e che era obbligato a denunciare questo crimine. Hollingworth ha ammesso anche che era consapevole del fatto che il marito di Terry Seipp [Monheim], Dana, avesse appreso del rapporto e avesse assunto un investigatore privato per confermare i suoi sospetti. Mr. Seipp non ha perso tempo nel condividere queste informazioni con gli anziani del Freeland.

Zef: Ha avuto il sospetto che stesse abusando di un bambino?

Hollingworth: Ho voluto conoscere i fatti.

Zef: Va bene. Bene…

Hollingworth: Suo marito non l’avrebbe detto e lui non era un membro della nostra congregazione. L’ho conosciuto solo una volta. Lui si è avvicinato e ha detto: “Ho fatto delle foto ma non vi dirò cosa mostrano, ma è meglio che facciate qualcosa al riguardo“, tipo… cosa avremmo dovuto fare?

Zeff: Chiamare la polizia?

Nonostante l’obiezione sollevata dall’avvocato difensore Jud Aaron, Zef aveva sferrato un knockout con quest’ultima domanda, che indugiava in aula mentre il signor Aaron si avvicinava per interrogare il signor Hollingworth.

In quello che è sembrata essere una mossa disperata, Aaron ha cercato di sostenere la tesi che agli Anziani non è stato detto di non denunciare:

Aaron: E’ a conoscenza di una qualsiasi politica dei Testimoni di Geova di non segnalare abusi sessuali su minori alle autorità? E’ a conoscenza di tale politica?

Hollingworth: No.

Aaron: In una delle lettere agli Anziani o nelle scuole che ha frequentato… ha frequentato queste scuole?

Hollingworth: Sì, signore.

Aaron: In una di queste lettere, in quelle scuole, è mai stato detto di non segnalare abusi sessuali alle autorità?

Hollingworth: Assolutamente no. In alcun modo.

Aaron: Che cosa siete tenuti a fare se un rapporto di abuso sessuale viene portato alla vostra attenzione?

Hollingworth: Contattare l’Ufficio Legale.

Aaron non chiede mai una volta a Hollingworth se gli Anziani sono istruitia segnalare eventuali accuse di sospetti abusi sui minori, invece distoglie l’attenzione da quella domanda cruciale, in primo luogo consentendo ad Hollingworth di testimoniare che è un uomo di famiglia, con molti figli e nipoti. Aaron interroga Hollingworth su quello che lui ricorda della confessione di Terry Seipp durante l’udienza giudiziaria, poi torna alla procedura che questi uomini hanno seguito dopo l’incontro.

Aaron: Dopo il comitato giudiziario con Terry Seipp, avete contattato un legale?

Hollingworth: Sì.

Aaron: Sentivate che stavate seguendo la procedura corretta?

Hollingworth: Sì.

Dopo aver fatto riferimento alla Lettera agli Anziani del 23 Marzo 1992 per quanto riguarda gli abusi sui minori, Aaron richiama l’attenzione su pagina 3 della lettera in cui si dice che ulteriori abusi dei bambini possono essere prevenuti contattando l’ufficio legale dell’organizzazione Watchtower.

Egli collega poi “ulteriore protezione” alla precedente dichiarazione di Hollingworth che agli Anziani non è stato detto di non denunciare gli abusi.

Aaron: Le è mai stato consigliato, come Anziano, o è a conoscenza di direttive che, al fine di proteggere la religione dei Testimoni di Geova, dicono che gli abusi sui minori non dovrebbero essere segnalati alle autorità?

Hollingworth: Al contrario. Il motivo per cui sono Testimone di Geova oggi, non lo sono sempre stato, è stato a causa della loro preoccupazione per la verità e per prendersi cura delle persone e… tutto, è fatto in modo molto sensato. No, questo non è mai successo.

Aaron: Grazie.

Aaron completa le sue domande e cede la parola ai suoi colleghi del team di difesa. L’avvocato della Watchtower, Miller, non ha domande, e l’avvocato della CCJW, Luigi Lombardi, continua il suo voto di silenzio legale, non aggiungendo nulla. Viene ridata parola al querelante.

Vittime scoraggiate dal partecipare a terapie di gruppo

Il procuratore Zef dirige l’attenzione di nuovo alla Lettera agli Anziani del 23 marzo, questa volta alla sezione in cui i Testimoni di Geova vengono avvertiti contro la partecipazione a terapie di gruppo come mezzo per aiutare le vittime di abusi sui minori.

Zef: Signore, può indirizzare la sua attenzione all’ultimo paragrafo della pagina che abbiamo appena messo di fronte a lei, dove si dice “Alcuni professionisti medici” e che va fino alla pagina successiva. Volevo solo farle alcune domande su questo, perché ha appena detto un po’ di cose che, credo, siano un po’ inquietanti per me. “Alcuni medici e terapisti consigliano la terapia di gruppo per chi soffre gli effetti di abusi sui minori. Anche se partecipare alla terapia di gruppo con un terapeuta professionista è una decisione personale, ci potrebbero essere problemi nel rivelare fatti confidenziali sugli altri membri della Congregazione cristiana durante tale terapia, se un cristiano non esercita discrezione. Così, gli Anziani possono dare avvertimenti ai loro fratelli e sorelle, così come indicato nella Torre di Guardia del 15 ottobre 2008, pagina 29, sotto il tema Talking Therapy. ‘Possono essere aiutati a vedere che parlare senza discrezione ad altri di abusi su minori può provocare il circolare di chiacchiere dannose e nocive’“. Signore, che cosa pensa che voglia dire?

Hollingworth: Potrebbero mancarmi alcuni dettagli qui ma il mio… mi sto concentrando sull’ultima frase qui. Noi non andiamo a parlare e spettegolare di queste cose e… non è qualcosa da diffondere.

Zef: Signore, la mia domanda è riguardo al fatto che gli abusi sui minori possono “provocare il circolare di chiacchiere dannose e nocive“, in modo da non… non è questo che si dice… a proposito, questo è uno dei documenti a cui faceva riferimento? Che cosa intende lei quando legge “possono essere aiutati a vedere che parlare indiscriminatamente ad altri di abusi sui minori può provocare il circolare di chiacchiere dannose e nocive“? Lei che cosa capisce che la lettera voglia dire?

Hollingworth: Di fare attenzione e di pensare a questo proposito. Pensa prima di parlare. Ha senso per me.

Hollingworth schiva la questione, cosa che riflette la sua incapacità di commentare la posizione della Watchtower sulla terapia di gruppo, così Zef va avanti. Zef chiede poi a Hollingworth di spiegare le scuole “KS” e Hollingworth descrive il programma di formazione degli Anziani. Zef chiede allora:

Zef: In queste occasioni è stata portata mai all’attenzione la questione degli abusi sui minori?

Hollingworth: Sono sicuro che è successo.

Zef: E queste scuole sono condotte dalla Watchtower?

Hollingworth: Sono condotte da un Testimone di Geova. Io non so perché… sono condotte da un istruttore Testimone di Geova.

Zef: Va bene. E da dove viene quest’istruttore?

Hollingworth: Provengono da un sacco di posti diversi. A volte è il nostro sorvegliante di circoscrizione, abbiamo appartamenti per loro nelle Sale del Regno locali. Diversi docenti, momenti diversi nel corso degli anni, c’è stato… provengono da un sacco di posti diversi.

Zef: I documenti che vengono presi in esame provengono dalla Watchtower?

Hollingworth: Non lo so. Non so se la Watchtower invia i documenti. Ci danno la letteratura. Ci danno un po’ di letteratura. Riceviamo… si prendono cura dei prodotti stampati della nostra letteratura. Non lo so. Non riesco proprio a rispondere a questa domanda. Si dovrebbe chiedere a qualcuno che viene da lì. Potrei avere un po’ d’acqua?

Zef: Non ho altro da aggiungere, Vostro Onore.

In risposta alla testimonianza di Hollingworth, l’avvocato della Watchtower, Miller, esamina il testimone per chiarire solo una cosa: anche se messi in guardia contro i pericoli della terapia di gruppo, le vittime di abusi dei Testimoni di Geova non sono esclusi dalla terapia individuale. Sembrava un po’ irrilevante parlare di questo, ma Miller è apparso intento a convincere la giuria del fatto che i Testimoni accettano alcuni tipi di terapia professionale.

Naturalmente, Miller trascura il fatto che gran parte dell’estremo trauma di Stephanie Fessler è stato, in primo luogo, causato dagli Anziani e dall’organizzazione che l’ha trattata come una peccatrice e non una vittima.

Lo stanco e assetato Hollingworth sembrava confuso ed incapace di dare risposte concise e lucide a domande abbastanza semplici, soprattutto per un uomo che ha passato gli ultimi 40 anni della sua vita come Anziano nominato. Ad essere onesti, il testimone chiave per la Watchtower, Thomas Jefferson, è stato ancora più sfuggente, come si vede dalla sua testimonianza durante i primi due giorni di questo processo.

Come chiunque abbia studiato con i Testimoni di Geova sa fin troppo bene, i leader dell’organizzazione non sono per nulla disposti a divulgare informazioni a tutti coloro che ritengono “non abbiano il diritto di sapere” tali informazioni. Che ironia per una religione che descrive tutti i suoi insegnamenti e pratiche come “La Verità“.

Per i lettori di JW Survey, siano essi Testimoni di Geova o no, non riesco a sottovalutare il valore di questo termine, verità. All’inizio di questo processo, il giudice Mary C. Collins ha detto ai membri della giuria che sarebbero stati gli unici che avrebbero determinato la verità in questo caso e sarebbero stati loro a decidere quali informazioni fossero fatti, sulla base delle prove presentate.

Anche se questo caso è stato risolto dopo soli quattro giorni di testimonianza, ci è stata data, come cittadini, la possibilità di giudicare le prove da noi stessi e trarre le nostre conclusioni. Finora, abbiamo analizzato le dichiarazioni di tre Testimoni di Geova, tra cui due Anziani e un membro di alto rango dell’organizzazione. Nel nostro prossimo articolo sul caso Fessler, analizzerò la testimonianza dell’abusatore, Terry Monheim, e del detective che l’ha inchiodata per i suoi crimini, Lisa Layden.

Dopo aver visto le prove presentate in questo caso, ripenso a quella calda mattina d’estate a Reading in Pennsylvania, quando ho visto l’uomo con il cartello che diceva “Sono stato molestato da un Anziano dei Testimoni di Geova“… se avevo il dubbio che potesse dire la verità, adesso il dubbio non esiste più.


Fonte del materiale: jwsurvey

Traduzione a cura di: jwanalyze ROBERTO

**********   **********

Leggi la parte numero 1 qui:

http://www.roccopoliti.it/?p=23661

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)110

OPPURE TRAMITE UN VERSAMENTO   POSTEPAY

Immagine

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1FtrCCNtr clRc uJM

Please type the text above:

 caratteri disponibili

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>