Testimoni di Geova – Trasparenti o Riservati? 15/3/2017

BASE DOC

Testimoni di Geova – Trasparenti o Riservati?

In una società libera ogni persona vive sotto delle norme di diritto, che sono l’opposto di regole dettate dal capriccio di uomini. Un tale stato di diritto ha un solo scopo: la tutela dei diritti della minoranza più debole che sia mai esistita, l’individuo.

Le regole e le leggi servono a molti scopi necessari perché una società prosperi, tra cui la punizione dei trasgressori, la risoluzione delle controversie, la promozione del bene e della morale comune.

Se una qualsiasi organizzazione avesse leggi e regolamenti che sono tenuti segreti ai suoi membri, questa organizzazione verrebbe considerata scorretta. Sarebbe scorretta perché una persona non può adeguatamente difendersi se non è a conoscenza di tali norme. Le procedure scorrette sono sbagliate ed illegali.

La Bibbia – Trasparente o Riservata?

Quando Mosè stabilì le leggi per i figli d’Israele, mise le 10 leggi fondamentali, conosciuti come i 10 comandamenti, su tavole di pietra. Pubblicò questi comandamenti insieme a circa 600 leggi supplementari in dei libri che fanno ora parte della Bibbia. Agli israeliti fu comandato di leggere, comprendere quelle leggi e seguirle. Ci sarebbero state ripercussioni per le leggi che venivano infrante. Gli israeliti furono messi a conoscenza di tutte le leggi di Mosè. Quelle leggi divennero note collettivamente come Legge mosaica. Nessuna legge venne tenuta segreta per nessun israelita.

Quando i primi cristiani iniziarono ad affermarsi, seguivano in primo luogo l’esempio di amore di Gesù. Tuttavia, sorsero delle questioni che dovevano essere affrontate e furono necessari principi da seguire. Paolo e altri scrissero allora alle congregazioni e basarono le loro decisioni su dei principi stabiliti nella Legge mosaica. Dato che le congregazioni avevano gli scritti degli apostoli, di Paolo e di altri, sapevano come comportarsi da Cristiani. Nessuna legge o principio veniva tenuto segreto dai primi Cristiani.

Non ci sono prove storiche che suggeriscono che gli israeliti o primi cristiani avevano ulteriori leggi, politiche o procedure segrete. Tutti i membri, uomini, donne e bambini, erano al corrente di tali regole.

I Testimoni di Geova – Trasparenti o Riservati?

I Testimoni di Geova affermano di attenersi alla Bibbia come norma per tutte le loro credenze. In un articolo on-line, tracciano un parallelo tra loro e i cristiani del I secolo. Inoltre, affermano di avere vero amore l’uno per l’altro. Se i Testimoni di Geova si attengono alla Bibbia e si raffrontano ai primi cristiani, allora non dovrebbero avere leggi o regole segrete. Le regole servono per proteggere i diritti della più piccola delle minoranze: l’individuo. Avere leggi e regolamenti segreti significherebbe non rispettare i diritti dell’individuo. Ancora più importante, sarebbe una completa mancanza di amore per un individuo, se questo venisse giudicato negativamente sulla base di regole di cui non è al corrente.

I Testimoni di Geova hanno leggi e regolamenti di cui la maggior parte dei membri non è al corrente? In effetti, si. Non conosco alcun altra religione così riservata sulle sue norme e regolamenti come i Testimoni di Geova. Ecco un elenco di norme e regolamenti di cui solo gli Anziani di congregazione sono al corrente. Nessun Testimone di Geova di sesso femminile è al corrente di alcuna di queste regole. Tenere tali regole e politiche segrete è la dimostrazione di una totale mancanza di rispetto per i fedeli in generale e per le donne in particolare.

Perché la segretezza è sbagliata

Alcuni potrebbero obiettare che non tutti i fedeli hanno bisogno di essere a conoscenza di alcune delle procedure e politiche di cui sopra. Potrebbe anche essere, ma quale sarebbe il danno se tutti i fedeli fossero a conoscenza delle procedure e politiche di cui sopra? Perché tutta questa segretezza? E, soprattutto, perché tanta segretezza sui procedimenti giudiziari? Considerando il fatto che le decisioni prese da un comitato giudiziario possono avere un impatto profondamente negativo su una persona, non è questo un settore che dovrebbe essere completamente trasparente?

Degli Anziani Testimoni di Geova che non hanno mai sperimentato personalmente l’ostracismo potrebbero essere più inclini a comminare la disassociazione come forma di punizione per delle trasgressioni piuttosto che prendere in considerazione delle alternative come primo passo.

In tanti casi in cui una persona si sente personalmente pentita per il suo comportamento, rimane confusa e frustrata quando la decisione da parte degli Anziani è quella di disassociarla. Ciò è aggravato dal fatto che tale persona si può appellare alla decisione solo per scoprire che il comitato di appello sostiene la decisione iniziale. Il presunto trasgressore non viene informato sul fatto che il comitato di appello si consulta privatamente con il comitato originale sul caso sia prima che dopo l’udienza di appello. Il presunto colpevole non ha a disposizione alcun ulteriore ricorso e deve solo accettare la decisione e ricevere il giudizio: totale ostracismo per un periodo di tempo indefinito.

Individui che sono stati trattati ingiustamente nei comitati giudiziari dei Testimoni di Geova hanno, in diversi casi, compiuto il gesto estremo del suicidio. Altri hanno seriamente danneggiato stessi al punto che devono subire una sostanziale riduzione di qualità della propria vita.

Tali regole e politiche segrete sono ingiuste, sbagliate ed illegali. E, peggio ancora, una volta che un Comitato Giudiziario prende una decisione, non esiste alcuna procedura per riparare agli eventuali errori commessi. Se ai Testimoni di Geova viene permesso di continuare ad utilizzare le loro procedure scorrette, sempre più persone, adulti e bambini, verranno danneggiate e alcuni potrebbero arrivare, come è già successo, a suicidarsi.

Dato che i Testimoni di Geova hanno regole e politiche segrete, la loro capacità di assolvere al dovere di avere cura dei propri fedeli, compresi i bambini, viene notevolmente limitata.

I Testimoni di Geova credono che, essendo un’organizzazione religiosa, non hanno bisogno di adottare procedure eque. Tuttavia, come religione basata su valori biblici, devono accettare il fatto che le leggi e le normative che riguardavano gli ebrei e i cristiani erano chiare e trasparenti. Se i Testimoni di Geova credono veramente di essere l’”Organizzazione di Dio”, sicuramente dovrebbero essere più chiari e trasparenti come il libro che credono che Dio abbia fornito all’umanità come guida per la vita quotidiana. E sicuramente, non vorrebbero essere accomunati ad una società segreta, come quella che menzionano in questo articolo!

Fonte: avoidjw

Traduzione a cura di: jwanalyze

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)110

OPPURE TRAMITE UN VERSAMENTO   POSTEPAY

Immagine

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

One thought on “Testimoni di Geova – Trasparenti o Riservati? 15/3/2017

Rispondi a Filippo sampori Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


5 × = quaranta cinque

VCHHs RsD1TmDCts ll Qx

Please type the text above: