I Testimoni di Geova evitano ogni contatto con gli ex membri della loro religione? 28/4/2017

BASE DOC

I Testimoni di Geova evitano ogni contatto con gli ex membri della loro religione?

BY

Molti non-Testimoni chiedono spesso se è vero che i Testimoni di Geova evitino ogni contatto con gli ex membri della loro organizzazione. La risposta è sì e no, ma soprattutto sì. Una persona viene evitata se viene Disassociata, che è un sorta di scomunica. Ciò accade quando questa persona ha commesso quello che i TdG considerano un peccato grave e non si è “pentita”.

Una persona viene anche evitata se si Dissocia, cioè quando questa persona prende l’iniziativa volontaria di scrivere una lettera all’organizzazione e affermare di non voler più essere riconosciuta come Testimone di Geova.

Tale ostracismo è totale ed inflessibile. Mentre potrebbero rimanere un minimo di interazioni familiari, chiunque sia un TdG attivo non ti parlerà più e potrebbe letteralmente girarsi dall’altra parte dovesse incontrarti di persona. Spesso i membri della famiglia ex-Testimoni non sono invitati agli eventi familiari e se i TdG attivi scoprono che un ex-Testimone potrebbe essere presente in determinati eventi, come ad esempio un matrimonio, potrebbero scegliere di non partecipare. Gli ex-Testimoni di Geova vengono generalmente ignorati se partecipano a questi eventi, persino a funerali familiari.

Un terzo gruppo di ex Testimoni di Geova viene chiamato “inattivi”. Sono quelli che hanno semplicemente smesso di associarsi ai Testimoni di Geova e di partecipare allo loro opera di predicazione. Non hanno necessariamente commesso un grave peccato e non hanno preso la decisione ufficiale di dissociarsi per iscritto, ma sono semplicemente “svaniti”. Questi non vengono ufficialmente evitati.

Notate che cosa dice il sito ufficiale dei Testimoni di Geovasull’ostracismo:

Chi si battezza come Testimone di Geova ma poi smette di svolgere l’attività di predicazione e magari non si associa più con i propri compagni di fede non viene evitato. Anzi, ci si sforza di mantenere i contatti e di ravvivare il suo interesse per le cose spirituali.

Quelli di cui si sta parlando qui, in realtà, sarebbero gli “inattivi” menzionati in precedenza. Da inattiva, posso dire che questo “sforzo” è molto raro, se mai esiste. Una persona inattiva potrebbe ricevere qualche telefonata da un Anziano ma, per la maggior parte, gli altri TdG la evitano.

Neppure chi si rende responsabile di un grave errore viene disassociato, o allontanato, automaticamente. Tuttavia se un Testimone battezzato ha una condotta in contrasto con le norme morali della Bibbia e non si pente, viene disassociato. A questo riguardo la Bibbia si esprime in modo chiaro: “Rimuovete l’uomo malvagio di fra voi” (1 Corinti 5:13).

Questo paragrafo sottintende che l’unico motivo per cui si viene disassociati è quello di aver infranto le “norme morali della Bibbia” e usa la parola “condotta”, come se solo un comportamento ripetuto costituisca un motivo per essere disassociati. Tuttavia, potreste essere disassociati per molte cose, compreso il disaccordo con una qualsiasi delle dottrine ufficiali dei TdG, che viene chiamata apostasia, o essere in disaccordo con qualsiasi procedura organizzativa, che viene chiamato “causare divisioni”.

Donne che sono state vittime di stupro potrebbero essere disassociate se non hanno letteralmente urlato durante l’aggressione e se gli Anziani determinassero che non ha fatto abbastanza per resistere. Possono anche decidere che la donna abbia fatto qualcosa per cui possa essere considerata come “consensuale” allo stupro come, ad esempio, andare in un locale o uscire con un non-TdG. In tal caso verrebbe disassociata per “fornicazione”. Vedi questo post.

Che dire se un uomo viene disassociato ma la moglie e i figli continuano a essere Testimoni di Geova? Dal punto di vista religioso le cose cambiano, ma i legami di sangue restano inalterati. Il vincolo coniugale e i normali rapporti familiari e affettivi proseguono.

È interessante notare che viene menzionato solo il caso di un uomo sposato con figli, in quanto è il capo famiglia. Quando una madre o un adolescente vengono disassociati, i loro legami familiari raggiungono il minimo. Agli adolescenti più grandi viene solitamente chiesto di lasciare la casa una volta finita la scuola e raggiunta la maggiore età. Gli adulti i cui genitori o nonni sono disassociati, in genere, tagliano tutti i legami con loro, come anche i fratelli.

Chi è disassociato può frequentare le nostre funzioni religiose.

Quello che non viene detto è che nessuno ti parlerà a quelle funzioni. Le persone disassociate dovrebbero arrivare all’ultimo minuto, sedersi in fondo alla sala e andare via immediatamente dopo. Le uniche persone che possono parlare con un disassociato sono gli Anziani e solo per sapere se vuole intraprendere i passi necessari per essere riassociato, non semplicemente per socializzare.

Se lo desidera può anche ricevere assistenza spirituale da persone qualificate, gli anziani della congregazione. L’obiettivo è aiutare la persona a soddisfare nuovamente i requisiti necessari per essere un Testimone di Geova. Se chi è disassociato vuole tornare a far parte della congregazione è sempre benaccetto, purché abbandoni la sua condotta inappropriata e mostri il sincero desiderio di seguire le norme bibliche.

Il gioco è fatto: il loro scopo è semplicemente farti diventare nuovamente un Testimone di Geova, non sapere perché hai lasciato la religione o riconsiderare le ragioni per cui sei stato disassociato.

L’ipocrisia dell’ostracismo

Notate che sul sito non si parla affatto delle persone che si sono dissociate volontariamente, che vengono altresì evitate completamente. L’ultima frase sottintende che l’unica ragione per cui una persona viene ostracizzata è perchè ha una “condotta inappropriata” e che coloro che lasciano la religione non vivono più secondo le “norme bibliche”.

Tuttavia, considerate il motivo per cui alcuni TdG si sono dissociati. Un uomo norvegese di nome Bo Juel è stato molestato da un Anziano da quando aveva 4/5 anni, fino all’età di 9 anni. Quest’uomo non solo lo ha aggredito sessualmente, ma lo ha anche picchiato e poi chiuso in una piccola stanza nel seminterrato, minacciandolo che, se avesse detto a qualcuno dell’abuso, sarebbe morto in quella stanza. L’uomo che lo ha molestato, che si è rivelato un molestatore seriale che abusava contemporaneamente di altri bambini nella sua congregazione, è stato disassociato per un anno e poi riassociato nella congregazione.

È strano che Bo abbia dubbi su Dio e sui Testimoni di Geova in generale con questo tipo di esperienza? È interessante notare che, malgrado la lealtà della famiglia a questo pedofilo, l’uomo ha continuato a molestare altri bambini, è andato in prigione, è stato disassociato per un breve periodo e poi ripristinato e accolto nuovamente a braccia aperte dalla congregazione. Quando Bo ha saputo la notizia, si è dissociato, essendo ormai un giovane adulto. Ora è ostracizzato da tutta la famiglia, inclusa sua figlia, mentre il suo molestatore ha una buona reputazione presso gli altri TdG. (Puoi leggere la sua storia nel suo libro, “The Least of God’s Priorities.”).

Alcuni si sono dissociati perchè vittime di violenza domestica nella religione. Ricordo di una donna, in particolare, che si dissociò dopo essere stata picchiata dal suo marito TdG e quando l’ha raccontato agli Anziani le hanno risposto che “ovviamente non era abbastanza sottomessa”. Non voleva avere più niente a che fare con una religione che la trattava in quel modo, e l’ha lasciata. Anche lei è ora ostracizzata dalla sua famiglia e dai suoi ex amici TdG, mentre il suo ex marito, l’abusatore, mantiene una buona reputazione.

Pensate all’ipocrisia di queste situazioni. Queste persone, e molti altri come loro, hanno lasciato i Testimoni di Geova a causa di situazioni terribili che nessuno dovrebbe sopportare in nessuna religione, eppure i Testimoni di Geova affermano che LORO sono quelli che hanno bisogno di abbandonare la “condotta inappropriata”. I Testimoni di Geova evitano QUESTE PERSONE, come se fossero loro che hanno fatto qualcosa di sbagliato e meritano una punizione.

Ostracizza la vittima, rispetta l’abusatore

Quello che è vergognoso è anche che chi lascia la religione a causa di situazioni come queste viene ostracizzato, ma i responsabili di questi crimini sono quelli che mantengono una buona reputazione. Il marito TdG che picchiava la moglie menzionato prima non è mai stato disassociato. Conosco Anziani che hanno incolpato le donne del loro abuso e non sono mai stati censurati e tutti loro mantengono una buona reputazione nelle loro congregazioni.

L’uomo che molestò Bo Juel fu messo fuori dalla congregazione per un misero anno, solo una frazione del tempo in cui ha molestato bambini, ed è stato riassociato. Un anno, il tempo minimo necessario ad un disassociato per essere reintegrato nella congregazione. Per aggiungere insulti alle sue ferite, la famiglia di Bo parlerà con questo uomo malvagio, brutale e malato, ma non parleranno a lui finché rimarrà un dissociato.

Infatti, Bo ha detto che qualche anno fa il suo amato nonno lo ha chiamato, ma quando Bo lo ha informato che non aveva alcuna intenzione di tornare ad essere un Testimone di Geova, suo nonno gli ha detto: “Se ci trovassimo in Israele 2.000 anni fa, saresti stato lapidato e io avrei scagliato la prima pietra”.

I Testimoni di Geova non vedono l’ipocrisia in tutto questo? Non vedono che c’è qualcosa di sbagliato nel fatto che pedofili, uomini violenti con le proprie mogli e Anziani che hanno condonato la violenza domestica sono ancora nell’organizzazione, ma quelli che sono stati molestati o abusati vengono ostracizzati per essersene andati? Questa è la vera risposta alla domanda se i Testimoni di Geova evitano ogni contatto con gli ex membri della loro religione.

Fonte: jwvictims

Traduzione a cura di: jwanalize (Roberto)

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)110

OPPURE TRAMITE UN VERSAMENTO   POSTEPAY

Immagine

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1991D1PP1D1991 m2mB UH

Please type the text above:

 caratteri disponibili

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>