I testimoni di Geova hanno un clero? 1/9/2017

BASE DOC

Il sito ufficiale dei Testimoni di Geova risponde alla domanda I Testimoni di Geova hanno un clero retribuito? in questo modo:

Seguendo il modello dei cristiani del I secolo, i Testimoni di Geova non sono divisi in clero e laicato. Tutti i membri battezzati sono ministri ordinati e prendono parte all’opera di predicazione e istruzione biblica. I Testimoni sono organizzati in comunità, dette congregazioni, composte da un centinaio di membri. In ogni congregazione ci sono uomini maturi in senso spirituale che prestano servizio in qualità di “anziani” (Tito 1:5). Lo fanno senza ricevere alcuna retribuzione.

Da una lettura veloce della risposta alla loro stessa domanda sulla presenza di un clero retribuito, un lettore potrebbe facilmente concludere che i Testimoni di Geova non abbiano un clero. Sei arrivato alla stessa conclusione? È molto facile arrivare a questa conclusione quando dicono: “I Testimoni di Geova non sono divisi in clero e laicato“. Ricorda, la domanda a cui stanno rispondendo è se hanno un clero retribuito o meno. Sicuramente, i Testimoni di Geova non hanno divisione tra clero e laici quando si tratta di un clero retribuito. Né il clero ne i laici sono retribuiti. Sono tutti volontari. Partecipano alla predicazione e a tutte le loro attività “senza ricevere alcuna retribuzione”. In altre parole, non c’è alcuna divisione tra coloro che vengono retribuiti e coloro che invece no, in quanto nessun membro dei Testimoni di Geova viene retribuito.

È giusto, però, dire che, poichè i Testimoni di Geova non hanno un clero retribuito, non abbiano affatto un clero? Consideriamo la questione.

È giusto dire che, poichè i Testimoni di Geova non hanno un clero retribuito, non abbiano affatto un clero? No. Neanche i Mormoni hanno un clero retribuito, ma il titolo di questo post ammette chiaramente il fatto che hanno decisamente un clero.

I testimoni di Geova hanno affermato che “Tutti i membri battezzati sono ministri ordinati e prendono parte all’opera di predicazione e istruzione biblica.“? Si, lo hanno fatto. I Testimoni di Geova permettono anche ad alcuni membri non battezzati, chiamati “proclamatori non battezzati”, di impegnarsi nell’opera di predicazione e insegnamento. Questo li rende ministri ordinati? Sì. Non c’è bisogno di essere battezzati per essere ordinati. Quando un’organizzazione religiosa nomina un membro per svolgere determinati compiti, questo viene “ordinato”. Quindi, battezzati o meno, i Testimoni di Geova possono essere ordinati per svolgere l’opera di predicazione e insegnamento. Ordinare tutti i membri per svolgere l’opera di predicazione e insegnamento non significa necessariamente che i Testimoni di Geova non abbiano una distinzione tra clero e laici.

Secondo il dizionario Merriam-Webster, il clero è definito come “un gruppo di membri ordinati per svolgere funzioni pastorali o sacerdotali all’interno di una chiesa cristiana“. Secondo la definizione di Wikipedia, “il clero è quella parte di fedeli che, nell’ambito di una religione, ha un ruolo distinto e spesso direttivo o anche semplicemente retribuito“. Se i Testimoni di Geova non hanno una distinzione tra clero e laici, si potrebbe tranquillamente supporre che qualsiasi membro ordinato possa svolgere funzioni pastorali o sacerdotali. È questo il caso dei Testimoni di Geova? No. Come ogni altra denominazione cristiana, solo alcuni membri possono svolgere matrimoni, battesimi e funerali. Nella maggior parte delle denominazioni cristiane, questi individui sono riconosciuti come clero. All’interno dei Testimoni di Geova, sono conosciuti come Anziani.

Clero o non clero?

A volte i Testimoni di Geova ammettono di avere un clero e altre volte lo negano con veemenza. Ogni ammissione di avere un clero è fatta solo nelle aule dei tribunali. Non troverete tale ammissione nella loro letteratura.

Quand’è che i Testimoni di Geova ammettono di avere un clero?

I Testimoni di Geova ammettono di avere un clero quando vogliono avvalersi del privilegio del sigillo sacramentale, o segreto confessionale. Il segreto confessionale protegge il contenuto della comunicazione tra un membro del clero e un penitente che condivide le informazioni in confidenza. Quando i Testimoni di Geova cercando di difendere le loro politiche sulla gestione dei casi di pedofilia per cui non hanno segnalato sospetti abusi alle autorità, sono pronti a descrivere gli Anziani come clero. Nei procedimenti giudiziari riguardanti una vittima di pedofilia, Stephanie Fessler, il team legale della Watchtower ha descritto gli Anziani come clero per tentare di avvalersi del segreto confessionale. Purtroppo per la Watchtower, le leggi della Pennsylvania, in materia di obbligo di denuncia, superavano i privilegi del clero. Come clero, gli Anziani avrebbero dovuto segnalare l’abuso di Stephanie Fessler alle autorità competenti. Non lo hanno fatto.

Quand’è che i Testimoni di Geova affermano di non avere un clero?

I Testimoni di Geova dicono di non avere un clero quando un individuo sta cercando di ottenere dei risarcimenti dalla loro organizzazione religiosa. Se i Testimoni di Geova hanno un clero, allora la Filiale locale è responsabile, alla fine dei conti, delle azioni del proprio clero. Questo perché il clero è il rappresentante dell’organizzazione religiosa, che sia pagato o meno. Che differenza fa se sono le singole congregazioni o la Filiale ad essere responsabili delle azioni degli Anziani? Le congregazioni dei Testimoni di Geova sono limitate dalle loro Filiali locali nel trattenere grandi somme di denaro. Sono tenute a mantenere denaro sufficiente solo per coprire i costi operativi e per rispettare gli impegni delle risoluzioni. Viene loro raccomandato che tutti i soldi in eccesso vengano inviati alle Filiali per sostenere l’opera in tutto il mondo (Vedi la Lettera del 9 giugno 2014 per conferma). E’ evidente, quindi, il perché i Testimoni di Geova vogliono apparire come se non avessero un clero. Il motivo è che, in questo modo, la Filiale non può essere ritenuta responsabile delle azioni degli Anziani. Pertanto, tutti i soldi inviati alla Filiale sono protetti dall’essere usati per pagare le vittime della pedofilia, ad esempio. La vittima dovrebbero cercare di ottenere una compensazione dalla singole congregazione della Sale del Regno. Poiché ogni congregazione mantiene solo pochi soldi, è improbabile che potrebbero ricevere giustizia, finanziariamente parlando.

Esiste una distinzione Clero / Laici?

La rivista Svegliatevi! dell’Agosto 2009, pag. 22, all’articolo “Il punto di vista biblico: dovrebbe esistere una distinzione tra clero e laicato?”, fornisce sei motivi per cui i Testimoni di Geova non hanno, o non dovrebbero avere, un clero. Valutiamo queste motivazioni.

1. L’esistenza di una classe clericale implica che si debba avere una speciale vocazione per essere ministri di Dio. Ma la Bibbia dice che tutti i veri cristiani dovrebbero servire Dio e lodare il suo nome. (Romani 10:9, 10) Riguardo al ministero all’interno della congregazione, i cristiani di sesso maschile sono incoraggiati ad aspirare a questo privilegio, com’è consuetudine fra i testimoni di Geova. — 1 Timoteo 3:1.

I Testimoni di Geova credono che i loro Anziani abbiano una speciale “vocazione”, o chiamata, per essere ministri di Dio? Certo che si! Nella Torre di Guardia del 15 marzo 2002, pagina 14, paragrafo 7, si afferma: “Il consiglio di Paolo, quindi, si applica con ugual forza a tutti gli anziani, unti o no: “Prestate attenzione a voi stessi e a tutto il gregge, fra il quale lo spirito santo vi ha costituiti sorveglianti”. (Atti 20:28)”. I Testimoni di Geova sono prolifici quando si tratta di citare le Scritture nella loro letteratura. Si potrebbe pensare che il loro uso prolifico delle scrittura sia una chiara prova che ciò che dicono sia scritto nella bibbia. Tuttavia, bisogna considerare non solo le scritture che citano, ma quelle che attentamente evitano di citare.

2. La distinzione fra clero e laicato esalta la classe clericale, com’è evidente dall’uso di titoli ossequiosi. Gesù invece disse: “Chi si comporta fra tutti voi come il minore, egli è grande”. (Luca 9:48) Sottolineando ancora l’importanza di essere umili, raccomandò ai suoi seguaci di non usare titoli religiosi. — Matteo 23:8-12.

In questa risposta lo scrittore è stato attento ad evitare qualsiasi riferimento a “Servitore di Ministero”, “Anziano” o “Sorvegliante di Circoscrizione”. Questi sono tutti i titoli. Anche “Fratello” e “Sorella” sono titoli. Anche se possono non ammetterlo a se stessi o ad altri, il fatto è che i Testimoni di Geova mostrano una certa riverenza per i membri di loro con titoli specifici. Ad esempio, un Sorvegliante di Circoscrizione riceverà una maggiore riverenza rispetto ad un Anziano, a motivo della sua posizione nell’organizzazione. Il fatto che alcuni dei loro titoli non vengano usati da altre confessioni religiose non significa che non siano titoli religiosi. Il Servitore di Ministero è l’equivalente del Diacono. Il Sorvegliante di Circoscrizione è l’equivalente del Vescovo. Sono titoli e sono titoli religiosi e quanto adulatori possano essere dipende dal singolo membro che offre a loro tale adulazione.

3. Un clero stipendiato può imporre un pesante onere finanziario sui fedeli, soprattutto se ha un alto tenore di vita. D’altra parte, i sorveglianti cristiani provvedono ai loro bisogni materiali svolgendo un lavoro secolare e dando così l’esempio agli altri.* — Atti 18:1-3;20:33, 34; 2 Tessalonicesi 3:7-10.

Certo, i Testimoni di Geova non pagano il loro clero. Né lo fa la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Sia i Mormoni che i Testimoni di Geova si prendono cura dei propri bisogni economici svolgendo dei normali lavori secolari. La differenza tra i Mormoni e i Testimoni di Geova è che i primi riconoscono di avere un clero. Questi ultimi vorrebbero far credere che non ce l’hanno.

4. Un ecclesiastico che dipende economicamente dai fedeli potrebbe essere tentato di annacquare il messaggio della Bibbia per compiacerli. In effetti le Scritture, predicendo che sarebbe successo proprio questo, affermano: “Ci sarà un periodo di tempo in cui non sopporteranno il sano insegnamento, ma, secondo i loro propri desideri, si accumuleranno maestri per farsi solleticare gli orecchi”. — 2 Timoteo 4:3.

Questa è una fallacia logica. Se un ecclesiastico “potrebbe essere tentato di annacquare il messaggio della Bibbia per compiacere i fedeli” non toglie nulla al fatto che è ancora un membro del clero. Inoltre, la citazione di una scrittura che dice che esiste un clero disposto a solleticare gli orecchi non dimostra che un gruppo religioso non abbia un clero.

5. La distinzione fra clero e laicato può indurre le persone comuni a demandare la religione al clero e a presentarsi solo alle funzioni settimanali. Eppure tutti i cristiani devono essere consapevoli del loro bisogno spirituale e studiare diligentemente la Bibbia. — Matteo 4:4;5:3.

Ci sono due errori in questo argomento. Innanzitutto, generalizzare è un modo terribile di dimostrare un punto. Ci sono persone religiose e meno religiose in ogni religione. Alcuni potrebbero demandare la religione al clero. Altri non lo faranno. In secondo luogo, e soprattutto, l’argomento proposto qui è noto come “falsa causa“. La distinzione tra clero e laici non è il motivo che porta i laici a demandare la religione al clero. La causa di questo è, più probabilmente, dovuto alle posizioni personali delle persone sulla questione religiosa. Le scritture citate non portano nulla a supporto del ragionamento che si vorrebbe fare. Sostengono solo il punto che le persone laiche dovrebbero essere consapevoli dei propri bisogni spirituali. Se proprio vogliamo dirla tutta, la distinzione tra clero e laici permette ai laici di sapere a chi e dove rivolgersi quando hanno bisogno di assistenza spirituale.

6. Se non conoscono la Bibbia, i laici possono essere facilmente sviati dagli ecclesiastici, o addirittura sfruttati. In effetti la storia riporta molti esempi di abusi da parte del clero.*— Atti 20:29, 30.

Questo è un classico “argomento fantoccio”. Non porta nulla alla discussione tra la distinzione tra clero e laici. È semplicemente un avvertimento sul fatto che i membri del clero possono comportarsi male. Anzi, i versetti biblici citati potrebbero sostenere l’argomento che anche i laici informati a livello biblico possono essere ingannati da membri del clero senza scrupoli.

Nel caso della causa tra la Watchtower e Stephanie Fessler, i Testimoni di Geova hanno ostinatamente negato per due interi giorni di avere un clero. Poi, in una sconvolgente retromarcia il venerdì mattina, il 10 febbraio 2017, prima che la giuria prestasse giuramento, hanno ammesso di avere un clero. Il lunedì seguente hanno patteggiato con la Fessler per una somma non divulgata. Poiché i Testimoni di Geova hanno ammesso di avere un clero, i soldi per il risarcimento della Fessler non saranno prelevati dai fondi della sala del Regno. Verranno pagati dalla Filiale dei Testimoni di Geova utilizzando, al 100%, le donazioni dei membri destinate “all’opera mondiale”.

Non importa quanto possano cercare di respingere questo fatto nella loro letteratura o nei tribunali: è evidente dalle prove che i Testimoni di Geova hanno un clero. È composto da Servitori di Ministero, Anziani, Sorveglianti, Membri dei Comitati di Filiale, Aiutanti del Corpo Direttivo e dal Corpo Direttivo.

Fonte: avoidjw

Traduzione a cura di: Roberto jwanalyze

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)

110

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6S66E Rp iR4L 99 z

Please type the text above:

 caratteri disponibili

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>