I Testimoni di Geova rilanciano sulla scrittura utilizzata per ignorare gli abusi. 10/11/2017

BASE DOC

Che cosa dovrebbe fare un Testimone di Geova se pensa che qualcuno che conosce abbia abusato sessualmente di un bambino, ma nessuno era lì per vederlo?

Niente.

Così dicono i leader dei Testimoni di Geova, che ordinano agli Anziani di non intervenire contro un membro della religione accusato di abusi sessuali su minori senza una confessione o almeno due testimoni del reato.

Questa politica si basa sulla Bibbia, secondo gli alti funzionari dell’organizzazione.

La stragrande maggioranza dei predatori sessuali abusa delle proprie vittime in segreto, senza testimoni presenti. E anche se i Testimoni di Geova sono sotto pressione a livello mondiale per aver coperto abusi sessuali su minori, un alto funzionario dice che tale politica non è in discussione.

Non siamo disposti a rivedere la nostra posizione scritturale su questa questione“, ha dichiarato Gary Breaux, un alto funzionario della sede mondiale dell’organizzazione di New York, nota come Watchtower.

Breaux ha fatto questa dichiarazione sul JW Broadcasting, il canale video ufficiale su Internet della religione, di questo mese.

Il nostro ragionamento su questo punto ha delle basi solide“, ha detto.

Ha aperto poi la Bibbia e ha letto da Deuteronomio 19:15: ““Nessun testimone singolo deve levarsi contro un uomo rispetto a qualunque errore o a qualunque peccato,  nel caso di qualunque peccato che egli commetta. La questione dev’essere stabilita per bocca di due testimoni o per bocca di tre testimoni.“.

Quando un testimone di Geova commette un grave peccato, come un abuso su un minore, i leader locali possono formare un comitato giudiziario per determinare se l’autore del reato deve essere espulso dalla congregazione. Ma senza la confessione o la testimonianza di due testimoni per corroborare le accuse, gli Anziani sono incaricati di lasciare la questione al giudizio di Dio.

Per un procuratore è abbastanza impegnativo convincere una giuria che si è verificato un crimine in base alle accuse di un bambino, data la mancanza di testimoni oculari nella maggior parte dei casi di abusi sessuali sui minori. Tuttavia, casi del genere vengono depositati ogni giorno nei tribunali di tutto il paese e spesso si concludono con rinvii a giudizio o condanne. Nelle congregazioni dei Testimoni di Geova, l’onere della prova è talmente elevato che alcune accuse vengono dismesse persino se i leader locali sospettano che siano fondate.

La difesa di Breaux della regola dei due testimoni è una risposta allo scrutinio giuridico delle politiche dei Testimoni di Geova sulla gestione degli abusi sui minori che sta avendo luogo in tutto il mondo. Un’inchiesta da parte di Reveal del The Center for Investigative Reporting ha rilevato che le politiche della Watchtower risalenti almeno al 1989 istruivano gli Anziani a tenere segreti gli abusi alle forze dell’ordine e ai membri delle congregazioni.

Nel mese di Settembre, sia fedeli che ex testimoni di Geova in Canada hanno presentato due class action contro la Watchtower affermando che l’organizzazione protegge i predatori sessuali nelle sue congregazioni.

Avvocati negli Stati Uniti hanno presentato decine di cause contro la Watchtower per conto di presunte vittime di abusi sessuali. La commissione che regola le organizzazioni di beneficenza in Inghilterra sta attualmente investigando se le politiche di gestione degli abusi sui minori della Watchtower violano le leggi sulle Charity. Nel 2015, una commissione governativa in Australia ha esaminato i documenti interni della Watchtower indicando che i funzionari erano a conoscenza di 1.006 presunti abusi sessuali di minori in quel paese. Nessuna di quelle accuse era stata riportata alle forze dell’ordine.

L’inchiesta di Reveal si è concentrata su ex Testimoni di Geova che hanno affermato di essere stati abusati sessualmente, da bambini, da un leader della loro congregazione rurale di Oklahoma. Secondo i documenti, altri leader sospettavano che Ronald Lawrence avesse avuto un comportamento sessuale scorretto “per un certo periodo di anni in passato“.

In una lettera al quartier generale di New York, i leader spiegavano che poichè nessuno aveva assistito agli abusi, e poichè Lawrence non aveva confessato, non sarebbe stata intrapresa alcuna azione.

La questione“, avevano scritto, “sarà lasciata nelle mani di Geova“.

Fonte: jwsurvey

Traduzione a cura di: Roberto jwanalyze

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)

110

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

2 thoughts on “I Testimoni di Geova rilanciano sulla scrittura utilizzata per ignorare gli abusi. 10/11/2017

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6S66E Rp iR4L 99 jr

Please type the text above:

 caratteri disponibili

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>