Trattenere le informazioni costerà caro ai Testimoni di Geova. 13/11/2017

BASE DOC

La corte di appello conferma la sanzione di $ 4000 al giorno

Il tempo sta scadendo per il quartier generale dei Testimoni di Geova per rilasciare i documenti che tengono traccia degli abusi sessuali sui bambini da parte degli Anziani delle congregazioni. Per ogni giorno che non verranno prodotti questi documenti, la Watchtower Bible and Tract Society, la sede organizzativa dei Testimoni di Geova, sarà costretta a pagare $ 4000.

Il 9 novembre, una corte d’appello ha confermato le le sanzioni quotidiane imposte da un tribunale alla chiesa.

Nel 2012 gli ex testimoni di Geova José Lopez e Osbaldo Padron avevano citato in giudizio la Watchtower per gli abusi subiti per mano di un ex Anziano, Gonzalo Campos, mentre erano membri della congregazione di Linda Vista.

Qualche mese prima della loro causa, la congregazione aveva raggiunto un accordo con altre cinque vittime di cui Campos aveva abusato dal 1982 al 1999, mentre serviva nelle congregazioni di Linda Vista e La Jolla.

Nonostante questi accordi, la Watchtower ha deciso di impugnare le azioni legali di Padron e Lopez. Nel 2013, un giudice aveva concesso a Lopez $ 13,5 milioni dopo che la chiesa era stata accusata di trattenere dei documenti che potenzialmente avrebbero mostrato che la sede della Watchtower era a conoscenza degli abusi e non aveva fatto nulla per fermarli.

Gli avvocati della Watchtower hanno fatto ricorso, con successo, sostenendo che il giudice non aveva tentato, prima di decidere per un risarcimento, di imporre delle sanzioni giornaliere.

Poi, nel 2015, anche un giudice nel caso Osbaldo aveva stabilito che la chiesa stava nascondendo dei documenti. Tuttavia, invece di emettere una sanzione definitiva, ha seguito il consiglio della corte d’appello e ha imposto delle sanzioni giornaliere di $ 4000.

L’anno scorso, gli avvocati della Watchtower hanno presentato ricorso, affermando che il tribunale non aveva l’autorità di imporre la sanzione che loro stessi avevano chiesto per il caso Lopez.

Come riportato dal Reader, l’11 ottobre i giudici di appello hanno espresso la loro frustrazione nei confronti degli avvocati della Watchtower per aver tentato di fare il doppio gioco.

Quella frustrazione è stata mostrata anche nella sentenza formale del tribunale di appello.

“[…] siamo turbati dal fatto che la Watchtower abbia preso due posizioni incoerenti davanti a noi”, dichiara la sentenza del 9 novembre.

“Dopo che la corte superiore ha imposto una sanzione monetaria quotidiana per la non collaborazione, la Watchtower ora sostiene che una simile sanzione non sia legittima. Non possiamo accordare queste due posizioni diametralmente opposte … La Watchtower si è rifiutata ostinatamente di rispettare l’ordine, cercando costantemente di ridiscutere una decisione sui cui la corte si era già espressa”.

L’avvocato di Padron, Irwin Zalkin, dice che è sua ferma convinzione che le sanzioni sarebbero dovute iniziare nel mese di giugno, quando il giudice Richard Strauss le aveva imposte.

Per quanto riguarda il suo parere sulla sentenza del tribunale, “siamo ora un passo più vicini nell’esporre la profondità e l’ampiezza del flagello degli abusi sessuali sui minori nell’Organizzazione dei Testimoni di Geova che è stato coperto per decenni. È giunto il momento per loro di venire ripuliti, affrontare seriamente il problema e dare veramente seguito alle loro dichiarazioni pubbliche del fatto che ‘aborrono gli abusi sui minori‘”.

Traduzione a cura di: Roberto jwanalyze

Fonte: https://www.sandiegoreader.com/news/2017/nov/10/ticker-jehovahs-witnesses-withheld-info-4000-day/

**********   **********

L’associazione Quo Vadis a.p.s. di Modena

per vivere ha bisogno del tuo aiuto

110 (1)

110

GRAZIE !

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

https://www.facebook.com/quovadisaps

quovadis.aps@gmail.com

rocco.politi@gmail.com

telefono  392 1539014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


+ 6 = dieci