ERESIE SULLA NASCITA DI GESÙ. 25/12/2018

BASE SCRITTA DOC

ERESIE SULLA NASCITA DI GESÙ

Ecco come avvenne la nascita di Gesù secondo l’insegnamento dei capi dei testimoni di Geova americani:

Allorché Maria ebbe accettato l’invito dell’arcangelo Gabriele, la concezione ebbe luogo in lei e potenza dell’iddio Altissimo la coprì con la sua ombra”. In che modo avvenne la concezione miracolosa?

In questo caso non fu portata all’esistenza una creatura vivente assolutamente nuova senza alcuna anteriore esperienza.

Ma si dovette tener conto della celeste “donna” (moglie) di Dio, della celeste organizzazione di Dio assomigliata ad una donna. In realtà il “seme” menzionato in Gen. 3,15, doveva venire da lei.

Per questo incarico terreno essa dovette provvedere uno dei suoi figli spirituali.

Questo non significò che, onde la vergine fanciulla Maria concepisse, uno dei celesti figli spirituali di Dio dovesse essere mandato a rannicchiarsi nel microscopico ovulo o cellula uovo nel corpo di Maria e fecondarla. L’Iddio Onnipotente per mezzo del suo spirito santo (o la sua forza attiva)trasferì la forza vitale del suo eletto figlio celeste dall’invisibile reame spirituale, alla cellula uovo nel corpo di Maria e la fecondò…

Chi fu il figlio che Dio elesse perché nascesse come creatura umana perfetta?

Le Sacre Scritture indicano che fu colui che un angelo parlando al profeta Daniele, chiamò “il vostro principe”, cioè Michele (Dan. 10,2 1; 12,1;) …

E’ stato giustamente chiamato Michele l’arcangelo.

Che la sua forza vitale fosse trasferita nella cellula uovo di Maria significò che egli, Michele, scomparve dal cielo.

Con la nascìta umana da Maria, egli doveva divenire una anima umana“. (1 Cf L’eterno proposito di Dio ora trionfa per il bene dell’uomo,  ed. Watch Tower.., 1975, pag. 135.)

Un altro testo di consultazione ed esegesi edito dai testimoni di Geova dà molta enfasi alla “moglie” di Geova dalla quale sarebbe nato il Michele-Gesù.

Il testo espressamente dice:

Il servitore messianico (Gesù) faceva parte della celeste organizzazione di Geova, costituita dai fedeli figli di Dio. (Ob.1.6)

Quella celeste organizzazione spirituale ha il ruolo di “moglie”, sposata a Geova il creatore;

Egli in questa unione celeste ha il ruolo di “Marito”. Poiché i celesti figli di Dio erano considerati figli dell’organizzazione celeste di Dio in quanto ne facevano parte, l’organizzazione celeste fu considerata come la loro madre, la moglie del loro padre celeste. Cosi il servitore menzionato in Isaia 50,11 è uno dei figli di lei.

Geova scelse il suo principale figlio celeste perché prestasse servizio sulla terra come Servitore messianico.

La materna organizzazione di Geova in cielo provvide dunque questo insigne rivendicatore della sovranità universale del proprio marito, e dopo il battesimo ad opera di Giovanni Battista, Geova, il Marito di lei, versò il suo spirito santo“. (2 cf Vicino la salvezza dell’uomo…, op. cit. pag. 90.)

Circa il trasferimento e la nascita di Gesù i capi dei testimoni di Geova così insegnano:

Non era certo impossibile per il creatore, che progettò gli organi riproduttivi umani, far sì che una cellula uovo nel seno di Maria venisse fecondata con mezzi soprannaturali.

Geova trasferì la forza vitale e la personalità del suo celeste Figlio primogenito nel seno di Maria.

La forza attiva di Dio, il suo Spirito Santo, protesse lo sviluppo del bambino così che questi poté nascere come un uomo perfetto”. (cf Ragioniamo facendo uso…, op. cit, pag. 213.)

Per spiegare la nascita di Gesù viene detto:

Un ovulo femminile contiene un cromosoma X.

Lo spermatozoo maschile può averne uno X e uno Y.

Dall’incontro di due X si ha una femmina; dall’incontro di una X e dì una Y si ha un maschio.

Essendo Gesù un maschio, il cromosoma Y dev’essere stato fornito in modo miracoloso, come indica la Bibbia“.(cf La Torre di Guardia dei 15/08/1982, pag. 5.)

Dio prese, la personalità del suo unigenito Figlio, e pose questa personalità nella minuscola formazione di María; in tal modo fu concepito Gesù“.(cf Da Paradiso perduto al Paradiso riconquistato,  ed.da Watch Tower…, 1967, papi. 127.

Visto che la nascita di Gesù avvenne per un fattore genetico, per un intreccio di cromosomi, ne consegue che “Gesù non fu un Dio-Uomo sulla terra; non fu un ibrida creatura celeste o terrestre.

Egli fu un puro uomo, la cui energia vitale era stata trasferita dal cielo per opera dello spirito o forza attiva di Dio Onnipotente.

Non fu nessuna incarnazione di una persona celeste, nessuna incamazione della “Parola di Dio“‘. (cf Vita eterna nella libertà dei figli di Dio, ed. da Watch Tower.., 1967, pag. 75,)

Come potete vedere più si legge è più ci si rende conto delle eresie che predicano i testimoni di Geova.

Attenzione che tutte queste sottigliezze non le raccontano subito quando vi bussano alla porta, neppure quando iniziate a studiare con loro, ma vi diranno queste bestemmie solo dopo essere entrati a farne parte.

**********   **********

CONDIVIDILO SUL TUO DIARIO AIUTERAI TANTA GENTE – GRAZIE! –

>>>>>>>>>>  <<<<<<<<<<

donazione giallo

PP

rocco.politi@gmail.com

quovadis.aps@gmail.com

3921539014

oppure

377 0908021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


3 × = venti uno

Z88ZLZhhZLZ88Z pWpl dqS

Please type the text above: