TRE RELIGIONI, UNA CASA COMUNE – LA PRIMA CHIESA-MOSCHEA-SINAGOGA IBRIDA AL MONDO 18/2/2021

TRE RELIGIONI, UNA CASA COMUNE

LA PRIMA CHIESA-MOSCHEA-SINAGOGA IBRIDA AL MONDO

A Berlino sta per vedere la luce il luogo che ospiterà insieme ebrei, cristiani e musulmani. Ha ispirato molti luoghi analoghi all’estero, mentre subisce critiche in patria

Tre religioni. Un edificio.

Il concetto potrebbe essere profondamente semplice o particolarmente complesso.

Per “House of One” di Berlino, si sta rivelando un po’ entrambe le cose.

La prima chiesa-moschea-sinagoga ibrida al mondo – aprirà le porte a Berlino il 27 maggio 2021.

Si tratta di un progetto in divenire da 12 anni, di cui ci eravamo già occupati nel 2015 quando l’inaugurazione sembrava fissata per il 2018, con un costo previsto di almeno 47,2 milioni di euro.

I suoi progettisti e leader sperano che venga utilizzata da membri ebrei, cristiani e musulmani come luogo per pregare, riunirsi e, forse soprattutto, ospitare un dialogo tra le rispettive religioni e con la società in generale.

Ma mentre la “Casa dell’Uno” ha lo scopo di mostrare che la pace è possibile tra –

e attraverso – le cosiddette “tradizioni abramitiche” del mondo, alcuni berlinesi la considerano una esagerazione che ha poco scopo pratico nel cuore di una delle città più cosmopolite del mondo.

L’idea per la House of One è venuta al pastore protestante Gregor Hohberg dopo aver scoperto le rovine della prima chiesa di Berlino. L’edificio tardo romanico, risalente al XIII secolo, era stato più volte distrutto e ricostruito, l’ultima volta nella Seconda guerra mondiale, prima di essere abbattuto durante la guerra fredda.

Hohberg ha voluto onorare la storia del luogo con un nuovo edificio, ma non solo un’altra chiesa. «Doveva essere qualcosa che parlasse a Berlino, al nostro mondo di oggi» ha raccontato al sito Religion News Service.

Con il sostegno della sua comunità, Hohberg ha cercato partner ebrei e musulmani.

Per primo ha trovato il sostegno del rabbino Tovia Ben-Chorin, poi sostituito dal rabbino Andreas Nachama, un ex rabbino della sinagoga militare americana nel sud-ovest di Berlino. Poi si è unito a loro l’imam Kadir Sanci, del Forum per il dialogo interculturale.

I tre iniziarono il lento processo di conoscenza e raccolta fondi per l’enorme progetto di costruzione. «All’inizio eravamo compagni di conversazione», ha detto Sanci, «poi siamo diventati colleghi in questa impresa e ora siamo amici. L’attenzione era concentrata sullo stare insieme, passare del tempo insieme, imparare insieme e cooperare a un grande progetto di costruzione».

Il design architettonico di The House of One ha ricevuto molta attenzione negli ultimi dieci anni. La sua disposizione offre uguale spazio per ebrei, cristiani e musulmani per pregare, adorare e riunirsi sotto il suo tetto. Ma l’accento è posto sull’ampio “Begegnungsraum”, o luogo di incontro che li collega, dove persone di ogni estrazione sociale saranno invitate a costruire rapporti di pace come quello che Hohberg condivide con Nachama e Sanci.

«In questa stanza, ha detto Sanci» la Casa dell’Uno diventa più di una casa di preghiera, ma una casa di comprensione».

The House of One non è il primo tentativo di riunire le fedi abramitiche. La Casa delle religioni a Berna, in Svizzera, è stata aperta nel 2014, e l’Iniziativa Tri-Faith a Omaha, Nebraska, nel 2020. Il Tempio di tutte le religioni a Kazan, in Russia, e la Casa della famiglia abramitica ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, sono entrambi in costruzione.

«Questa idea è esportabile», ha commentato Nachama. «The House of One è solo un “banco di prova” per dimostrare come possiamo effettivamente costruire la pace».

A Tbilisi il vescovo Malkhaz Songulashvili, vescovo metropolita della Chiesa evangelica battista della Repubblica di Georgia, si è ispirato alla House of One per il suo “Peace Project”, che la popolazione locale chiama anche House of One.

Istituita come la prima chiesa battista di Tbilisi nel 1867, la cattedrale della pace è la chiesa madre della chiesa evangelica battista della Georgia. «Nel corso della sua storia, la Cattedrale della pace ha ripetutamente preso posizioni coraggiose a sostegno delle minoranze oppresse, ha detto Songulashvili, «anche se la chiesa ha subito molestie periodiche da parte di estremisti religiosi».

Dolorosamente consapevole del ruolo della religione nei conflitti violenti, come la recente vicina guerra del Nagorno-Karabakh, la congregazione di Songulashvili ha compiuto il passo coraggioso di costruire una moschea e una sinagoga annesse alla sua chiesa, «creando una casa spirituale per le fedi abramitiche, comprese le correnti musulmane sunnite e sciite».

Mons. Ilia Osefashvili ha affermato che senza il sostegno della Casa dell’Uno a Berlino, il progetto non potrebbe proseguire. Più che denaro, ha detto, «un progetto come House of One ci aiuta a costruire ponti di pace e amicizia con le altre religioni. Senza di essa, l’alienazione e l’ostilità sono difficili da superare».

La House of One ha anche stabilito una partnership formale con la “House of Peace and Religions” a Bangui, la capitale della Repubblica Centrafricana, un paese a maggioranza cristiana dove la fede ha alimentato il conflitto negli ultimi anni.

La House of One di Berlino ha lavorato con il cardinale del paese, Dieudonné Nzapalainga, l’ex presidente del Consiglio islamico, l’Imam Oumar Kobine Layama e il presidente della Alleanza evangelica, il pastore Nicolas Guérékoyaméné-Gbangou, a ulteriori sforzi per l’unità.

Nonostante tutta la sua influenza all’estero, tuttavia, la House of One ha subito critiche in patria. Sebbene le intenzioni siano nobili, affermano vari attivisti, i dettagli sono stati problematici. Alcuni si sono lamentati del fatto che il costo esorbitante avrebbe potuto essere speso meglio. Dagmar Apel, pastore e consulente per la migrazione e l’integrazione per la Chiesa protestante in Germania (Ekd), ha espresso la preoccupazione che la House of One metterà in mostra le speranze dei suoi fondatori più che portare fedi insieme in città.

«Abbiamo bisogno di qualcosa che parli a Berlino all’interno e non solo all’esterno», ha detto Apel. «Il design è bello, ma abbiamo bisogno di un luogo che sia più di un punto di incontro per i turisti, ma per un vero scambio religioso».

Apel, che ha servito nelle diverse comunità di Neukölln e Kreuzberg di Berlino, ha detto che il lavoro interreligioso è difficile in città, soprattutto data la «disastrosa storia nazionale» della Germania.

Berlino, con il suo mix internazionale giovane e diversificato, può essere un luogo in cui «i tedeschi possono sviluppare una migliore competenza interculturale», ha detto, ma ha aggiunto che «la House of One manca di sostegno dal basso».

Inoltre, ha detto Apel, «dove sono le religioni asiatiche? Lo spirituale ma non religioso? Non si può avere una “Casa dell’Uno” senza coinvolgere persone di altri gruppi religiosi».

Michael Bäumer, amministratore delegato del Forum delle religioni di Berlino, ha convenuto che la House of One ha perso un’opportunità non parlando alla più ampia diversità religiosa di Berlino.

«È un compito difficile riunire persone diverse per il dialogo», ha detto, «e molte persone religiose a Berlino non sono realmente interessate alla Casa dell’Uno».

Bäumer ha collaborato con la House of One su diverse iniziative multireligiose e ammira la significativa relazione multireligiosa dei leader.

«Mi piacciono le persone coinvolte. Sono brave persone e spesso parliamo insieme.

Mi piacciono molto», ma, quando la House of One sarà finalmente finita, «la questione importante sarà se possono aprire la loro relazione di pace ad altre persone di fede».

RIFORMA

Se vuoi commentare l’articolo manda una mail a questo indirizzo:

quovadis.aps@gmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


sette + = 13

12ZZF tF1NsrCFtF wl pIx

Please type the text above: