AUSTRALIA – LA TORRE DI GUARDIA, ADERIRÀ ALLA CAMPAGNA DI RISARCIMENTI PER LE VITTIME DI PEDOFILIA 4/3/2021

AUSTRALIA – ANCHE LA TORRE DI GUARDIA, DOPO RIPETUTI APPELLI CADUTI NEL VUOTO, ADERIRÀ ALLA CAMPAGNA DI RISARCIMENTI PER LE VITTIME DI PEDOFILIA

Le autorità stanno esortando i Testimoni di Geova a contattarli per dare il via alla decisione del gruppo religioso di aderire al programma nazionale di ricorso per vittime di abusi sessuali su minori.

L’organizzazione afferma che si iscriverà a causa delle nuove regole introdotte dal governo federale, il che significa che perderebbe il suo status di ente di beneficenza – e le successive esenzioni fiscali – per continuare a resistere.

“Ora che la legge richiede che gli enti di beneficenza aderiscano al programma, i Testimoni di Geova si adatteranno”, ha affermato mercoledì in una dichiarazione all’AAP.

“I testimoni di Geova credono che sia loro responsabilità davanti a Dio rispettare e cooperare con le autorità”.

Una portavoce del ministro dei Servizi sociali Anne Ruston ha accolto con favore la dichiarazione ma ha implorato l’organizzazione di contattare le autorità.

“(Noi) li incoraggiamo a prendere contatti urgenti con il Dipartimento dei servizi sociali in modo che possano mantenere questo impegno”, ha detto ad AAP.

“Possono essere necessari fino a sei mesi prima che le istituzioni completino il processo di adesione e il dipartimento spera di lavorare in cooperazione e con fretta per facilitare l’adesione dei Testimoni di Geova il più rapidamente possibile.

“È deludente che i sopravvissuti che hanno nominato i Testimoni di Geova siano stati costretti a sospendere la loro domanda di riparazione per così tanto tempo mentre l’organizzazione non ha voluto aderire”.

Il governo federale ha a lungo fatto pressioni sul gruppo religioso affinché aderisse al programma nominandolo pubblicamente e cambiando più recentemente le regole delle associazioni di beneficenza.

Lo standard di governance della Australian Charities and Not-for-profit Commission richiede che le organizzazioni di beneficenza registrate adottino misure ragionevoli per aderire al programma di ricorso se è stata presentata o è probabile che venga presentata una domanda contro di loro.

“I testimoni di Geova non si sono uniti volontariamente perché ci opponiamo all’affermazione che la religione dei testimoni di Geova si assume la responsabilità dei bambini”, ha detto il gruppo.

“La nostra obiezione si basa sul fatto che la religione dei Testimoni di Geova non sponsorizza e non ha sponsorizzato alcuna attività che abbia portato i bambini a essere sotto la sua cura, custodia, supervisione, controllo o autorità”.

Lo schema multimiliardario è stato progettato per fornire risarcimento alle decine di migliaia di persone vittime di abusi sessuali da bambini nelle istituzioni australiane.

Fornisce accesso alla consulenza, al pagamento di un risarcimento e una risposta personale diretta come le scuse di un’istituzione, se il sopravvissuto lo desidera.

Ma non può essere concesso loro un risarcimento a meno che l’istituzione da cui hanno subito abusi non abbia aderito al programma.

Il governo dovrebbe ricevere presto una revisione indipendente dello schema.

Australian Associated Press

Traduzione automatica:

https://www.katherinetimes.com.au/story … ss-scheme/

Per commentare questo articolo scrivete a:

quovadis.aps@gmail.com

SE PUOI E LO DESIDERI CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI

METTI MI PIACE SULLE NOSTRE PAGINE:

https://www.facebook.com/quovadisaps/

https://www.facebook.com/rocco.politi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili


2 × = diciotto

VCHHs 2sVunmts2s yb eZQ

Please type the text above: