Manca il crocifisso agli esami, e l’inquisizione arriva a scuola

 

 603323_374714245985336_194342599_a

email:     quovadis.aps@gmail.com.

www.quovadisaps.org

https://www.facebook.com/quovadisaps

Manca il crocifisso agli esami, e l’inquisizione arriva a scuola

La testimonianza di un professore chiamato come Commissario esterno in un istituto diCaserta

La stenua difesa del crocefisso imposto nelle scuole e negli uffici pubblici as­su­me spes­so con­no­ta­ti grot­te­schi, so­prat­tut­to quan­do gli in­te­gra­li­sti e i cle­ri­ca­li si at­ti­va­no ze­lan­te­men­te per pre­ten­der­ne il man­te­ni­men­to, smuo­ven­do mari e mon­ti e la­men­tan­do chis­sà qua­le dan­no. Con un astio e un fa­na­ti­smo pre­oc­cu­pan­ti, tali da in­ti­mi­di­re chi si li­mi­ta a chie­de­re il ri­spet­to di un mi­ni­mo sin­da­ca­le di lai­ci­tà. Nem­me­no si trat­tas­se di un rea­to di lesa mae­stà. O me­glio, “lesa cle­ri­ca­li­tà”. Come emer­ge an­che dal­la sto­ria tra­gi­co­mi­ca da ita­liet­ta che ci è sta­ta rac­con­ta­ta da un no­stro sim­pa­tiz­zan­te, un pro­fes­so­re chia­ma­to come com­mis­sa­rio ester­no per gli esa­mi di sta­to che si sono svol­ti nel­le scor­se set­ti­ma­ne in un isti­tu­to di Ca­ser­ta, e che ri­por­tia­mo di se­gui­to.

Uaar

Du­ran­te la riu­nio­ne pre­li­mi­na­re, nel­l’au­la del­la com­mis­sio­ne, al muro non era ap­pe­so al­cun cro­ci­fis­so, c’e­ra solo un chio­do. Nel cor­so del­la mat­ti­na­ta un bi­del­lo ne ha por­ta­to uno (in­sie­me ad al­tre sup­pel­let­ti­li: ven­ti­la­to­re, ar­ma­diet­to, etc) per ap­pen­der­lo. Io e la col­le­ga in­ter­na pro­fes­so­res­sa C lo ab­bia­mo in­vi­ta­to a non far­lo, e lo ab­bia­mo mes­so in un cas­set­to. La col­le­ga C, che co­no­sce gli al­lie­vi, mi ha spie­ga­to che ce ne sonodue di con­fes­sio­ne mu­sul­ma­na e un te­sti­mo­ne di Geo­va, e inol­tre che a lei non sem­bra op­por­tu­no espor­re il cro­ci­fis­so in una scuo­la pub­bli­ca e lai­ca. Sen­za ag­giun­ge­re com­men­ti, io mi sono ma­ni­fe­sta­to pie­na­men­te d’ac­cor­do: era­no pre­sen­ti solo al­cu­ni de­gli al­tri col­le­ghi del­la com­mis­sio­ne, che non solo non han­no par­lato, ma mi è sem­bra­to che nem­me­no si ac­cor­ges­se­ro del­l’e­pi­so­dio.

Nel gior­no del­la pri­ma pro­va (quel­la d’i­ta­lia­no) i can­di­da­ti e la com­mis­sio­ne si tro­va­va­no in un’al­tra aula, più gran­de; an­che qui il cro­ci­fis­so non era ap­pe­so al muro, ma era nel cas­set­to, fin dal mo­men­to in cui sia­mo en­tra­ti nel­l’au­la. Il col­le­ga in­ter­no, pro­fes­sor M, si era oc­cu­pa­to di rac­co­glie­re i cel­lu­la­ri dei can­di­da­ti in una sca­to­la di car­to­ne; an­dan­do a ri­por­re la sca­to­la nel cas­set­to, vi tro­va il cro­ci­fis­so, lo rac­co­glie di­cen­do le pa­ro­le “ma tu guar­da dove l’han­no fat­to fi­ni­re…” e fa il ge­sto di riap­pen­der­lo; io gli dico “me­glio di no: la­scia­mo­lo do­v’è”, e lui lo la­scia nel cas­set­to.

 

Il pro­fes­sor M, però, ri­ma­ne mol­to tur­ba­to an­che per­ché si ac­cor­ge che pure nel­l’al­tra aula il cro­ci­fis­so è sta­to la­scia­to nel cas­set­to; chia­ma in di­spar­te il pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne, pro­fes­sor N, e par­la con lui a lun­go. Igno­ro cosa si sia­no det­ti ma ho avu­to l’im­pres­sio­ne che ri­te­nes­se la man­ca­ta af­fis­sio­ne cosa gra­vis­si­ma (si ri­fe­ri­va al sim­bo­lo chia­man­do­lo “no­stro si­gno­re”). Il pre­si­den­te N è im­ba­raz­za­to, non vuo­le as­so­lu­ta­men­te pro­ble­mi, vor­reb­be solo che l’e­sa­me pro­ce­des­se sen­za in­top­pi; così vado nel­l’au­la del­la com­mis­sio­ne dove in­vi­to M, C ed N a dia­lo­ga­re per tro­va­re la so­lu­zio­ne mi­glio­re. Ma M ri­fiu­ta qual­sia­si dia­lo­go, è ar­rab­bia­tis­si­mo e mi­nac­cia di ri­vol­ger­si (nel­l’or­di­ne) al pre­si­de, al­l’i­spet­to­re, al­l’av­vo­ca­to, ai ca­ra­bi­nie­ri. Ri­fiu­ta quin­di di par­la­re e va a chia­ma­re il vi­ce­pre­si­de pro­fes­sor R.

 

Il vi­ce­pre­si­de R so­prag­giun­ge, ed esor­di­sce di­cen­do che “quan­do noi an­dia­mo nei loro pae­si non ci fan­no co­strui­re le chie­se”: ba­ste­reb­be que­sto per in­do­vi­na­re il se­gui­to… Io e la col­le­ga C ri­bat­tia­mo chefor­se si ri­fe­ri­sce a re­gi­mi teo­cra­ti­ci, men­tre l’I­ta­lia è uno sta­to lai­co. Il “dia­lo­go” però, come si può fa­cil­men­te im­ma­gi­na­re, è di­ven­ta­to aspro. Il vi­ce­pre­si­de R ri­met­te con la for­za il cro­ci­fis­so al muro, cosa che in­di­spet­ti­sce non poco la col­le­ga C. Poi ci in­vi­ta, con tono mi­nac­cio­so, nel suo uf­fi­cio per par­la­re. Nel­l’uf­fi­cio del vi­ce­pre­si­de io e C ri­ba­dia­mo (o ten­tia­mo di ri­ba­di­re) che la pre­sen­za del­la cro­ce non ci era sem­bra­ta op­por­tu­na, che la scuo­la è pub­bli­ca e lai­ca e che la de­ci­sio­ne di “non af­fig­ge­re” (che è di­ver­so da “to­glie­re”) era sta­ta pre­sa di co­mu­ne ac­cor­do e non era sta­ta con­te­sta­ta.

 

Gli ar­go­men­ti di R era­no in­ve­ce di un al­tro te­no­re: “Loro ven­go­no nel no­stro pae­se e de­vo­no ac­cet­ta­re le no­stre re­go­le e i no­stri sim­bo­li”; “quan­do io sono an­da­to in Tur­chia a por­ta­re sol­di e ci­vil­tà non mi fa­ce­va­no mo­stra­re nean­che la cro­ce che por­to al col­lo”; “quan­do han­no iscrit­to i loro fi­gli a que­sta scuo­la i ge­ni­to­ri sono ve­nu­ti a lec­car­mi i pie­di e a rin­gra­ziar­mi, quin­di ora il cro­ci­fis­so gli sta be­nis­si­mo, e nes­su­no si è mai la­men­ta­to”; “in que­sta scuo­la sia­mo tut­ti cri­stia­ni”. As­se­ri­sce di es­se­re egli stes­so un “ateo di mer­da”, pro­nun­cia­no però la fra­se a voce così alta che, se qual­cu­no l’a­ves­se sen­ti­ta fuo­ri dal­la stan­za, avreb­be po­tu­to pen­sa­re a un in­sul­to nei miei con­fron­ti. E co­mun­que il cro­ci­fis­so è an­che il “sim­bo­lo del­la su­pe­rio­ri­tà del­la no­stra cul­tu­ra”. Sic­co­me que­ste ar­go­men­ta­zio­ni ci sem­bra­va­no osce­ne e inac­cet­ta­bi­li, il vi­ce­pre­si­de R, ar­rab­bia­tis­si­mo, ha mi­nac­cia­to di far in­ter­ve­ni­re una ispet­tri­ce di sua co­no­scen­za. La col­le­ga C ha mi­nac­cia­to di chia­ma­re il suo av­vo­ca­to. Io mi sono fat­to una ri­sa­ta. Quel gior­no, co­mun­que, nes­su­no ha osa­to ri­met­te­re al suo po­sto il cro­ci­fis­so nel­l’au­la in cui si sta­va svol­gen­do la pro­va scrit­ta, per cui la gior­na­ta si è con­clu­sa con una cro­ce nel cas­set­to.

 

Nei due gior­ni suc­ces­si­vi, in­ve­ce, tro­via­mo tut­te le cro­ci ap­pe­se a tut­ti i muri. Il pre­si­den­te N e al­tri col­le­ghi, fra cui al­cu­ni as­sen­ti il pri­mo gior­no, mi pren­do­no in di­spar­te e spie­ga­no che l’ot­tu­si­tà dei pro­fes­so­ri M ed R è ben nota e che sa­reb­be me­glio da par­te mia evi­ta­re di fo­men­ta­re bat­ta­glie, fare buon viso a cat­ti­vo gio­co e ti­ra­re avan­ti con se­re­ni­tà per il bene del­l’e­sa­me di sta­to. In­som­ma, mi di­co­no di non dare fa­sti­dio, bi­so­gna an­da­re avan­ti con il la­vo­ro e non c’è tem­po per que­ste scioc­chez­ze ideo­lo­gi­che. Pur con­tra­ria­to, ac­cet­to e mi pren­do l’im­pe­gno di non aprir boc­ca sul­la que­stio­ne e di non sol­le­va­re più pro­ble­mi. Le cro­ci sa­reb­be­ro ri­ma­ste al muro e zit­ti tut­ti. Man­ten­go l’im­pe­gno, fac­cio bat­tu­te di al­tro ge­ne­re e scher­zo ami­che­vol­men­te con tut­ti, come se nul­la fos­se ac­ca­du­to.

 

Ar­ri­va­ti al fine set­ti­ma­na, in­ve­ce, il pre­si­den­te N mi te­le­fo­na a casa e mi dice che, già da al­cu­ni gior­ni, è incor­so una ispe­zio­ne. L’i­spet­tri­ce a quan­to pare è sta­ta chia­ma­ta dav­ve­ro, an­che se nes­su­no ne era sta­to in­for­ma­to (N, in quan­to pre­si­den­te di com­mis­sio­ne, è mol­to sec­ca­to di non es­se­re sta­to av­vi­sa­to!) e ha già con­fe­ri­to in se­gre­to e se­pa­ra­ta­men­te con al­cu­ni mem­bri del­la com­mis­sio­ne. Do­ma­ni (sa­ba­to) vuo­le sen­ti­re an­che me, sem­pre da solo e in pri­va­to. L’i­spet­tri­ce ascol­ta la mia ver­sio­ne dei fat­ti, ma si con­cen­tra su un uni­co aspet­to del­la vi­cen­da: “E’ sta­to lei a to­glie­re il cro­ci­fis­so?” è la do­man­da che ri­pe­te più vol­te nel cor­so del col­lo­quio. Io ri­spon­do di no, l’i­spet­tri­ce tor­na a chie­der­me­lo come se vo­les­se una ri­spo­sta di­ver­sa, una con­fes­sio­ne. Ma non si può co­strin­ge­re un uomo li­be­ro a con­fes­sa­re ciò che non ha fat­to, al­me­no da quan­do non è più le­ga­le l’u­so del­la tor­tu­ra, con­ti­nuo quin­di a ri­spon­de­re di no.

 

L’i­spet­tri­ce mi chie­de di met­te­re per iscrit­to una di­chia­ra­zio­ne in cui af­fer­mo di aver scon­si­glia­to al col­le­ga di riap­pen­de­re il cro­ci­fis­so, di fron­te ai ra­gaz­zi. Lo fac­cio (e for­se com­met­to un er­ro­re, avrei do­vu­to ri­fiu­tar­mi o chie­de­re il pa­re­re di un av­vo­ca­to o di un sin­da­ca­li­sta). Poi chia­ma “a te­sti­mo­nia­re” an­che il vi­ce­pre­si­de R e un bi­del­lo, da­van­ti a loro mi chie­de “lei di dove è?”, io ri­spon­do “di Ca­ser­ta”… “si ma dove è nato?” e io “a Ca­ser­ta! Sono ita­lia­no” (qui ca­pi­sco che for­se pen­sa­va­no che fos­si uno stra­nie­ro), poi an­co­ra mi chie­do­no “di che re­li­gio­ne sono” e io mi ri­fiu­to di ri­spon­de­re di­cen­do che, vi­ste le do­man­de, ho fon­da­ti mo­ti­vi di te­me­re la di­scri­mi­na­zio­ne in base al­l’o­rien­ta­men­to re­li­gio­so.

 

Il gior­no del­la ter­za pro­va scrit­ta nel­le aule tro­via­mo una no­vi­tà: un fo­gliet­to at­tac­ca­to al muro, sot­to al cro­ci­fis­so, con una pre­ghie­ra di umil­tà; in tut­te le aule. Non ba­sta: pri­ma del­l’i­ni­zio del­la pro­va, nel­l’an­dro­ne del­la scuo­la, il pro­fes­sor M ha fat­to fir­ma­re ad al­cu­ni dei can­di­da­ti una di­chia­ra­zio­ne scrit­ta in cui essiso­sten­go­no di es­se­re tur­ba­ti dal­l’as­sen­za del cro­ci­fis­so. La pro­fes­so­res­sa C si ac­cor­ge di que­sto fat­to e ne è tal­men­te in­di­gna­ta da scri­ve­re im­me­dia­ta­men­te una let­te­ra al pre­si­de e al pre­si­den­te N, che poi pre­ten­de di far pro­to­col­la­re alla se­gre­te­ria del­la scuo­la (riu­scen­do­ci, ma non sen­za no­te­vo­li dif­fi­col­tà).

 

Que­sto pro­vo­ca un nuo­vo in­ter­ven­to del­l’i­spet­tri­ce, che di nuo­vo ci con­vo­ca a grup­pet­ti per par­la­re se­pa­ra­ta­men­te; al col­lo­quio più lun­go, con la pro­fes­so­res­sa C, non ho po­tu­to as­si­ste­re; so solo che la col­le­ga C è usci­ta dal­la stan­za in la­cri­me, scon­vol­ta e ha chie­sto di es­se­re ac­com­pa­gna­ta in ospe­da­le. L’i­spet­tri­ce chie­de an­co­ra di sen­tir­ci tut­ti in pre­si­den­za. Esor­di­sce ri­vol­gen­do­si a me con que­ste pa­ro­le “la­sci che le par­li come da ma­dre a fi­glio…” (lei è più an­zia­na e io gio­va­ne). Ri­bat­to: “No. Mi par­li come da ispet­to­re a com­mis­sa­rio e mi spie­ghi se è qui in ve­ste in­for­ma­le o se qual­cu­no l’ha chia­ma­ta e qua­li sono i mo­ti­vi del­la sua ispe­zio­ne”. Nien­te da fare, con­ti­nua chie­den­do­mi in­si­sten­te­men­te se sono sta­to io a ri­muo­ve­re il cro­ci­fis­so. Ov­via­men­te con­ti­nuo a ri­spon­de­re di no… e al­lo­ra sbot­ta con “ba­sta con le bu­gie, ho tut­te le re­gi­stra­zio­ni e le de­po­si­zio­ni!” Le ri­spon­do “come si per­met­te di dar­mi del bu­giar­do? Mi fac­cia ve­de­re le re­la­zio­ni di chi dice il con­tra­rio, bu­giar­do è lui e lo de­nun­cio”, ma si ri­fiu­ta di dir­me­lo.

 

Le chie­do se era sta­ta sua l’i­ni­zia­ti­va di far fir­ma­re di­chia­ra­zio­ni scrit­te agli alun­ni, si ri­fiu­ta di ri­spon­der­mi. Glie­l’ho chie­sto più vol­te nel cor­so del­la mat­ti­na­ta, si è sem­pre ri­fiu­ta­ta di ri­spon­de­re. A un cer­to pun­to si of­fen­de per­chè le fa­ce­vo do­man­de, so­stie­ne che a fare le do­man­de do­ves­se es­se­re solo lei. Mi dice che avrei poi let­to la re­la­zio­ne che avreb­be pre­sen­ta­to ai su­pe­rio­ri a fine que­stio­ne. Poi mi mi si ri­vol­ge di­cen­do che “come lei sa be­nis­si­mo la nor­ma­ti­va dice che…”: io le chie­do a qua­le nor­ma­ti­va si ri­fe­ri­sce, di ci­tar­mi la leg­ge (mol­to sem­pli­cie­men­te, vor­rei che mi dicesse che “la leg­ge” è una cir­co­la­re fa­sci­sta del 1926), ma qui non solo si ri­fiu­ta di ri­spon­der­mi ma, stig­ma­tiz­zan­do il mio at­teg­gia­men­to, in­ter­rom­pe il col­lo­quio.

 

L’i­spet­tri­ce riu­ni­sce poi tut­ta la com­mis­sio­ne da­van­ti a sè (a ec­ce­zio­ne del­la col­le­ga C che nel frat­tem­po era sem­pre in ospe­da­le), e fa un lun­go pre­di­coz­zo sul­la scar­sa op­por­tu­ni­tà di fare bat­ta­glie ideo­lo­gi­che in sede d’e­sa­me. Nel si­len­zio di tut­ti i com­mis­sa­ri, sono io l’u­ni­co che ha il co­rag­gio di pro­va­re a ri­spon­de­re, sem­pre in­ter­rot­to con suo stu­po­re per­ché stra­na­men­te non me la fac­cio sot­to di fron­te al­l’au­to­ri­tà come pre­vi­sto…

 

Di fron­te a que­sto at­teg­gia­men­to tut­ti i miei col­le­ghi, ma pro­prio tut­ti (tran­ne il prof M) si schie­ra­no dal­la mia par­te, mo­stran­do una blan­da osti­li­tà al­l’i­spet­tri­ce. Vi­sto che “in­ter nos” era­va­mo già ad­di­ve­nu­ti al­l’op­por­tu­ni­tà di pla­ca­re gli ani­mi e an­da­re avan­ti, e il suo in­ter­ven­to non ha fat­to al­tro che peg­gio­ra­re le cose. In­som­ma ho in­cas­sa­to la so­li­da­rie­tà di tut­ti i col­le­ghi, so­prat­tut­to del pre­si­den­te N. L’e­sa­me è poi an­da­to avan­ti con gli ora­li sen­za pro­ble­mi, fi­ni­to l’e­sa­me ho chie­sto al prov­ve­di­to­ra­to di Ca­ser­ta di pren­de­re vi­sio­ne dei rap­por­ti com­pi­la­ti dal­l’i­spet­tri­ce e dal pre­si­den­te N (vi­sto che mol­te del­le mie do­man­de era­no ri­ma­ste sen­za ri­spo­sta, e che mi era sta­to det­to che avrei do­vu­to aspet­ta­re le re­la­zio­ni per ave­re quel­le ri­spo­ste). Il fun­zio­na­rio del prov­ve­di­to­ra­to con cui ho par­la­to mi ha det­to che que­sti do­cu­men­ti non sono in loro pos­ses­so e che devo ri­vol­ger­mi ad un uf­fi­cio di Na­po­li (cosa che farò dopo le fe­rie esti­ve, cre­do).

 

Se­con­do me, ciò che ren­de uni­ca tale vi­cen­da è che si trat­ta di un sin­go­la­re caso di “non af­fis­sio­ne” piut­to­sto che di “ri­mo­zio­ne”: non a caso mi sono op­po­sto du­ra­men­te al tono in­qui­si­to­rio con cui mi si chie­de­va di con­fes­sa­re di aver ri­mos­so il cro­ci­fis­so, as­su­men­do­mi solo la re­spon­sa­bi­li­tà di aver omes­so l’af­fis­sio­ne, e di aver scon­si­glia­to (solo ver­bal­men­te) al­tri a far­lo. Co­no­sco bene le vi­cen­de (e gli in­suc­ces­si) dei vari To­sti, Cop­po­li e Lau­tsi. Ho so­la­men­te chie­sto di non ap­pen­de­re un sim­bo­lo con­fes­sio­na­le.

 

Una cosa che ho im­pa­ra­to da que­sta vi­cen­da è che il sim­bo­lo del­la cro­ce, va­len­ze re­li­gio­se a par­te, è a vol­te un pre­te­sto per per­met­te­re a fa­sci­sti fru­stra­ti e xe­no­fo­bi di far sen­ti­re a di­sa­gio gli alun­ni stra­nie­ri, non cre­den­ti o di un’al­tra re­li­gio­ne. Ma que­sta è solo un’im­pres­sio­ne per­so­na­le. Se pri­ma la cro­ce in aula era sol­tan­to una que­stio­ne di prin­ci­pio, ora è per me una que­stio­ne di co­scien­za pro­fes­sio­na­le. Ora an­cor più di pri­ma sen­to che il sim­bo­lo è inop­por­tu­no: non solo per­ché pri­vi­le­gia una re­li­gio­ne, ma per­chési pre­sta a di­ven­ta­re il sim­bo­lo del­la “cul­tu­ra ita­lia­na”, uni­ca, im­po­sta a chi ha una “cul­tu­ra di­ver­sa” come sim­bo­lo di su­pe­rio­ri­tà. Il che, so­prat­tut­to a scuo­la, non è bel­lo.

http://www.agoravox.it/Manca-il-crocifisso-agli-esami-e-l.html