Grazie a mio figlio, ho aperto gli occhi, e ho iniziato a ragionare con il mio cervello. 6/4/2014

Q - QUO VADIS FB2

quovadis.aps@gmail.com

www.facebook.com/quovadisaps

www.quovadisaps.org

Telefono     392 1539014

PSEDU18

Grazie a mio figlio,

ho aperto gli occhi,

e ho iniziato a ragionare

con il mio cervello.

 

Caro Rocco,

non ci conosciamo ancora di persona anche se è da diverso tempo che ti seguo e ora finalmente mi sono ritagliato appositamente del tempo per voler condividere anche la mia esperienza.

Cercherò di essere conciso più possibile e ti dico da subito che ti autorizzo a pubblicare l’allegato e stralci di questa email che ritieni opportuno, leggendo la mia lettera di dissociazione vedrai che ho oscurato il nome di mio figlio, in quanto benchè lui stesso dissociato, è disgustato dal comportamento dei TG e non vuole avere nulla a che fare con alcuna cosa che possa ricondurre al loro comportamento riprovevole, se inoltre, ritieni che i nomi presenti nella lettera possano essere compromettenti sentiti libero di eliminarli.

Nasco 47 anni fà da genitori già TG e mio padre serviva già come “sorvegliante di congregazione”, come erano definiti allora gli attuali “anziani” e tutt’ora ricopre ancora questo ruolo.

L’ambiente in cui sono vissuto è stato unicamente ed esclusivamente in compagnia di TG ma specialmente con “sorveglianti viaggianti”, beteliti, pionieri speciali che hanno influito sul mio desiderio di fare rapido progresso a tal punto di diventare pioniere regolare all’età di 15 anni, servitore di ministero a 19 anni e anziano a soli 24 anni.

La strada era spianata per diventare pioniere speciale e sorvegliante viaggiante, quando la nascita di mio figlio ha fatto rallentare e cambiare direzione al tanto decantato “progresso teocratico” concentrandomi sull’attività locale a tal punto di essere disposto a trasferirmi di congregazione ogni 2, 3 anni ricoprendo da subito il ruolo di “sorvegliante che presiede”, poi “coordinatore corpo degli anziani” (come è stata sostituita tale definizione), sorvegliante di assemblea di circoscrizione, speciale di un giorno e di distretto per più di 10 anni consecutivi e fino al momento delle mie dimissioni, avvenute con nomina di sorvegliante di assemblea di distretto ricevuta da un mese e relativi compiti extra nei comitati speciali di circoscrizione, distretto e tutto quello che ne consegue quando si entra nei meccanismi dei “privilegiati”…

Nel 2009 finalmente inizio a ragionare con il mio cervello e ad aprire gli occhi, grazie all’intervento di mio figlio adolescente che inizia a mettere in discussione molte credenze e regole, trovandomi così a dedicare molto tempo con lui e per lui nell’approfondire dottrine, credenze, storia della nascita dei TG e scopro tutto ciò che c’è dietro e di nascosto ma soprattutto mettendo in confronto con ciò che vivevo dall’interno dei meccanismi ad “alto livello gerarchico”… e così a gennaio 2010 decido di andare contro tutto e tutti, prendo le mie responsabilità e mi dimetto da tutte le cariche che avevo con sgomento e incredulità degli anziani, dei sorveglianti viaggianti, della betel, dei familiari.

Sapendo di dover combattere contro mulini a vento decido inizialmente di non contrastare direttamente le varie credenze e divento inattivo, compreso mia moglie e mio figlio fino al marzo 2013 che insieme a mio figlio decidiamo di dissociarsi con gli avvenimenti esposti nella lettera allegata.

Da dopo l’annuncio che non siamo più TG sono cessati completamente qualsiasi rapporto con i genitori che si attengono fedelmente alle regole dei TG iniziando così l’ostracismo e l’isolamento da qualsiasi rapporto familiare e questo nonostante l’unico nipote rimasto orfano di madre non faccia essere compassionevoli nei suoi confronti.

Di certo il servizio televisivo delle Iene e tutto il parlare che se ne sta facendo, mi ha dato spunto per associarmi alle molte voci di chi è vittima dell’ostracismo e di voler dare il mio apporto in termini di conoscenze dei meccanismi interni..

Molto altro avrei da dire e sicuramente ci saranno occasioni per approfondire e confrontare le nostre esperienze per far crescere sempre di più la nostra voce per far conoscere dove sia la vera verità.

Rimango a tua disposizione, un caro saluto

Filippo

dissociazione_1 dissociazione_2

dissociazione_3