Ai figli non si può imporre di cambiare credo – Corte di Cassazione, Sentenza n. 24683 – 2013

603323_374714245985336_194342599_a

email: quovadis.aps@gmail.com

www.facebook.com/quovadisaps

www.quovadisaps.org

cell. 334 6395736

tribunale

Corte di Cassazione,

Sentenza n. 24683 – 2013

Ai figli non si può imporre

di cambiare credo

In Italia, il genitore separato non può imporre ai figli di cambiare religione. E’ quanto stabilito dalla Cassazione che ha rigettato il ricorso di un padre, divenuto dopo il divorzio Testimone di Geova, contro la decisione della Corte di Appello di Milano, che: 1) gli aveva vietato di portare le figlie minorenni alle Adunanze del Regno; 2) gli aveva imposto di far trascorrere alle minori tutti i giorni più significativi delle festività natalizie e pasquali, nonché il loro compleanno, con la madre. Ciò nonostante fosse stato disposto l’affidamento condiviso. Secondo i Supremi Giudici, al netto del diritto dell’uomo di professare la fede religiosa che vuole, va tutelata la corretta formazione psicologica e affettiva delle piccole. Visto che, essendo state fin dalla nascita educate ai principi del credo cattolico, non erano nell’età di decidere con la maturità necessaria e di praticare una scelta confessionale veramente autonoma.

http://www.west-info.eu/it/ai-figli-non-si-puo-imporre-di-cambiare-credo/

0001 0002 0003 0004

http://www.west-info.eu/it/ai-figli-non-si-puo-imporre-di-cambiare-credo/corte-di-cassazione-sentenza-n-24683-2013/